VENDONO IL SUO VAN ALL’ISIS: IDRAULICO PASSA PER TERRORISTA

440

Quella scritta con numero di telefono lasciata sulla portiera del suo vecchio furgone, dato indietro nel 2013 a una concessionaria di Houston, in Texas, in cambio di uno nuovo, è stata “fatale” per un idraulico americano. Da quando quel mezzo è finito nelle mani dell’Isis, in Siria, ed è apparso in un video mentre viene impiegato per sparare missili antiaerei contro il regime, il suo cellulare ha squillato oltre mille volte e per Mark Oberholtzer la vita è diventata un incubo. Così ha deciso di portare in tribunale il concessionario che gli aveva impedito di cancellare quelle scritte dal furgone, “per non rovinare la vernice, perché ci avrebbero pensato loro”. La richiesta è di un milione di dollari.

“Nessuno ha cancellato quel logo e quel numero di telefono – si legge nella denuncia di Oberholtzer – che sono finiti in un video di jidahisti del gruppo Ansar al-Din e in una foto di propaganda, diventati virali dopo la pubblicazione via Twitter, con oltre due milioni di visualizzazioni. E la didascalia di accompagnamento alla foto non lasciava dubbi: Usiamo il furgone di un idraulico contro il regime ad Aleppo”.

Da quel momento Mark ha iniziato a essere tempestato di telefonate dal contenuto violento, ricevendo anche minacce di morte, oltre alle continue richieste di interviste e alla visita dell’Fbi. L’idraulico in tribunale ha ricostruito quanto accaduto: il suo veicolo è stato venduto all’asta in Texas nel novembre 2013, poi spedito il mese successivo da Houston in Turchia. Da qui all’arruolamento tra i mezzi usati dagli uomini del Califfato il passo è stato breve. La prossima udienza è fissata per il 18 dicembre: la richiesta di risarcimento danni ammonta a un milione di dollari.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS