UMBRIA JAZZ 2016: I MUSICISTI ITALIANI VANNO ALLA CONQUISTA DELLA CINA Tra fine aprile e inizio maggio del prossimo anno Uj parteciperà a un festival a Shangai

420
umbria jazz

Umbria Jazz, dopo Stati Uniti, Australia, Serbia, Sudafrica, Giappone, Brasile, Argentina, ora sbarca anche in Cina. Il prossimo anno, infatti, si inserirà con una sua iniziativa nel festival di primavera che si svolge a Shanghai tra fine aprile e inizio maggio. E in questo “Umbria Jazz Day” i musicisti italiani avranno un ruolo importante. L’annuncio è stato dato dato a Perugia ed è uno dei risultati della “missione di sistema” compiuta in Cina dalla Regione Umbria lo scorso novembre.

Il vicepresidente della Giunta regionale dell’Umbria e assessore allo Sviluppo economico, Fabio Paparelli, che ha guidato le iniziative, ha sottolineato che questa “sarà una sorta di anteprima mondiale dell’edizione 2016 di Umbria Jazz”. Un esordio, quello nella Repubblica popolare cinese, che si sta costruendo con l’obiettivo di realizzare una manifestazione all’altezza del marchio Uj e della qualità del jazz italiano. “Una occasione da non perdere sia per Umbria Jazz sia per la regione”, ha commentato il direttore artistico Carlo Pagnotta.

Come detto da lui stessi anche in una intervista al quotidiano Shanghai Daily, un festival che coniugherà “il jazz con la città del futuro”. La Cina quindi è l’ultima, in ordine cronologico, delle trasferte di Umbria Jazz nel mondo. “Il marchio Uj ha avuto successo ovunque – ha concluso Pagnotta – quindi funzionerà anche in Cina”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS