SERIE A: LA JUVE BATTE I VIOLA 3-1 E SALE AL QUARTO POSTO IN CLASSIFICA I campioni d'Italia ora sono a due lunghezze dal secondo posto

322

Continua la rimonta della Juve che batte la Fiorentina 3-1. I ragazzi di Allgeri sono ora a due soli punti dal secondo posto. Inter prima in classifica con 36 punti. I bianconeri continuano a risalire, neppure la Fiorentina riesce a fermare la prodigiosa rincorsa dei campioni d’Italia, alla sesta vittoria consecutiva in campionato. Con il 3-1 sulla Viola, i torinesi scavalcano la Roma e si avvicinano al Napoli e, appunto alla Fiorentina. Solo l’Inter rimane, al momento, isolata, ma certo non irraggiungibile.

Per quello che ha detto la penultima giornata del 2015, adesso sembra proprio la Juventus la principale rivale dei nerazzurri nella corsa verso il tricolore. La difficoltà per costruire il successo, con il possesso palla quasi sempre saldamente tra i piedi della Fiorentina e la doccia fredda del gol subito sul rigore dopo appena 80 secondi per un fallo di Chiellini su Bernardeschi, premia il carattere dei bianconeri, passati in vantaggio grazie a Dybala, respinto a fatica da Tatarusanu, e il tiro di Mandzukic. I viola non riescono a sfruttare Kalinic e alla fine si spegne anche l’estro di Ilicic, che sbaglia il passaggio decisivo sull’1-1.

Due squadre messe in campo quasi specularmente, anche se il 4-2-3-1 fiorentino tende più verso il centro e crea spesso superiorità in mezzo. Allegri sull’altro fronte ha scelto Evra e Cuadrado come esterni. Quello che soffre di più è il rientrante Khedira, che ha la mobilità dell’ultimo Pirlo, ma non il suo genio. Ci si attende che accenda la luce Pogba, ma il francese è tanto voglioso di piazzare la giocata quanto impreciso. Almeno fino al filtrante per Dybala, che dà il via al 3-1. Il miglior attacco del campionato. Kalinic ne vede poche e ne prende tante, Ilicic e Borja non scardinano le strutture difensive bianconere, come era successo con l’Inter. Sempre secondi, ma il “sorpasso mentale” forse è già avvenuto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS