BURUNDI, VIOLENZE NELLA CAPITALE: 21 MORTI Ancora sconosciuto il movente della strage, con arma da fuoco

346

Continua la scia di sangue in Burundi tra le forze di polizia governative e gli oppositori del neo presidente Pierre Nkurunziza, il quale, ripresentandosi in luglio per il terzo mandato consecutivo, ha aperto una profonda crisi politica nel Paese centrafricano. Nella capitale, Bujumbura, sono stati trovati i corpi senza vita di 21 persone, tutte del quartiere di Nyakabiga, uccise con un colpo alla testa e le mani legate dietro la schiena. Il movente della strage è ancora sconosciuto, ma non sembrerebbe legato agli attentati avvenuti venerdì e portati avanti in modo congiunto contro tre basi dell’esercito, sia nella capitale Bujumbura che nella base di Mujejuru, a circa 40 chilometri di distanza. Il portavoce della polizia, Pierre Nkurikiye, aveva infatti precisato che durante gli scontri non c’erano state “vittime collaterali”: “Tutte le vittime erano aggressori uccisi nell’operazione congiunta dell’esercito e della polizia – aveva spiegato -. Il nemico è stato neutralizzato”.

Dall’estate scorsa, i morti sono stati oltre 240. Centinaia di persone sono state imprigionate, mentre – secondo quanto riportato dalle Nazioni Unite – quasi 215 mila cittadini hanno deciso di abbandonare la città e sono fuggiti nei paesi vicini. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon ha condannato gli attacchi di venerdì nelle tre basi dell’esercito, sollecitando il dialogo e la pace. Anche i 15 membri del Consiglio di Sicurezza dell’Onu “condannano nella maniera più forte possibile i recenti attacchi portati avanti da assalitori non indentificati e sollecitano tutti gli attori coinvolti ad evitare la violenza”, aveva detto l’ambasciatrice Usa presso il Palazzo di Vetro, Samantha Power, dopo un incontro a porte chiuse all’indomani degli scontri. La Power aveva anche avvertito che il Consiglio di sicurezza sta considerando “possibili misure addizionali” e ha sollecitato l’immediata cessazione delle violenze per scongiurare ulteriore spargimento di sangue.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS