LA SERBIA FESTEGGIA LA GIORNATA NAZIONALE DELLA CARITAS Il motto scelto per quest'anno è "L'avete fatto a me"

406

Si celebra oggi in tutta la Serbia la Giornata nazionale della Caritas sotto il motto, scelto per l’edizione 2015, “L’avete fatto a me”. L’evento centrale, previsto per i volontari e gli operatori dell’organizzazione, si svolgerà a Novi Sad – grande città sulle rive del Danubio – con la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Stanislav Hocevar, arcivescovo di Belgrado e presidente della Caritas Serbia. In programma anche un momento di condivisione di esperienze del lavoro “sul campo” tra operatori e volontari.

“La giornata della Caritas quest’anno si inserisce nel contesto dell’Anno della misericordia appena iniziato”, spiega la portavoce Ana Zivkovic aggiungendo che “dal testo della bolla papale è stato tratto anche il logo dell’evento”. Negli opuscoli della giornata, distribuiti gratuitamente a una larga fascia della popolazione, sono proposti dei consigli concreti per praticare le opere di misericordia. Per esempio, nell’arcidiocesi di Belgrado è stata avviata una raccolta di soldi, generi alimentari e vestiti destinati ai profughi che attraversano il Paese, uno dei principali territori della cosiddetta “rotta balcanica”. Possono essere donati anche materiali riciclabili: il ricavato della vendita andrà ai migranti.

Nell’Esarcato apostolico e nella diocesi di Subotica invece è in corso l’azione “Bambini in aiuto ai bambini” per i minori orfani del conflitto in Ucraina. A Zrenjanin, tra le maggiori località della Serbia settentrionale, i ragazzi che frequentano l’ora di religione hanno raccolto i propri risparmi in appositi salvadanai che porteranno durante l’offertorio della messa nella cattedrale della città. Si tratta di uno dei tanti modi possibili per vivere concretamente il Giubileo della Misericordia appena iniziato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS