ANNO DELLA MISERICORDIA, LA MUSICA SACRA UNISCE I TRE CORI DELLA CAPITALE Il Coro e l'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma, il Coro della Cappella Musicale Pontificia "Sistina" e il Pontificio Istituto di Musica Sacra si esibiranno insieme

441

Il Giubileo della Misericordia unisce tre grandi istituzioni musicali della Capitale: il Coro e l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, il Coro della Cappella Musicale Pontificia “Sistina” e il Pontificio Istituto di Musica Sacra che si incontrano per la prima volta musicalmente per offrire alla Città Eterna e ai pellegrini dell’Anno Santo un prezioso cartellone di composizioni corali religiose. “Il Teatro dell’Opera di Roma ha accolto con entusiasmo – ha detto Carlo Fuortes, sovrintendente del Teatro – la proposta della Cappella Musicale Pontificia ‘Sistina’, la più antica e prestigiosa istituzione di Musica vocale sacra al mondo, di collaborare ad un programma di concerti in occasione del Giubileo della Misericordia”.

Sarà un articolato e affascinante percorso che porterà lo spettatore nel cuore della storia della musica sacra, dal gregoriano a Britten, da Pierluigi da Palestrina (1500) sino al contemporaneo Wolfgang Rihm. Il cartellone – dall’8 dicembre 2015 al 7 maggio 2016 – offrirà concerti per il pubblico di tutte le nazionalità che sarà a Roma, perché la Musica è l’unica arte che può superare ogni barriera linguistica. La musica corale religiosa in particolare, perché i maggiori compositori hanno sempre scelto questo “strumento”, che è il coro, per esprimere al meglio la loro vocazione.

“Ritengo che la musica – ha detto Massimo Palombella, direttore della Cappella Musicale Pontificia ‘Sistina’ – la cultura e il lavorare insieme di queste istituzioni siano un segno concreto per trasmettere al pubblico un messaggio di forza e collaborazione davanti alla violenza esplosa in questi ultimi giorni, per entrare con i fatti nello spirito dell’Anno della Misericordia e offrire agli ascoltatori un prezioso e insostituibile spazio in cui recuperare l’essenza e il meglio della nostra umanità”.

Il primo concerto, tenuto l’8 dicembre nella basilica di Sant’Agostino, sarà replicato il 30 dicembre, ore 19, nella Pontificia Parrocchia di Sant’Anna in Vaticano. In programma “Canto Gregoriano: antifone dal Cantico dei Cantici e Magnificat”, eseguito dal Coro del Pontificio Istituto di Musica Sacra diretto dal Maestro Franz Karl Prassl. Il Coro Femminile del Teatro dell’Opera di Roma, diretto dal Maestro Roberto Gabbiani, eseguirà musiche di Gabriel Fauré (1845-1924), Francis Poulenc (1899-1963), Felix Mendelssohn (1809-1847). Soliste Marika Spadafino (soprano) Angela Nicoli (soprano), Michela Nardella (contralto) e Marzia Zanonzini (contralto). All’organo il Maestro Gea Garatti Ansini.

Le tre istituzioni si esibiranno sabato 23 gennaio 2016, ore 21, nella basilica di Sant’Agostino per dare vita a “Canto Gregoriano: brani della misericordia” con brani di Felice Anerio (1560-1614) e Gregorio Allegri (1582-1652). Infine Coro e Orchestra del Teatro dell’Opera eseguiranno musiche di Wolfgang Rihm (1952) e Benjamin Britten (1913-1976), due grandi autori contemporanei.

Nuovamente nella basilica di Sant’Agostino, sabato 20 febbraio 2016, ore 21, la Cappella Musicale Pontificia “Sistina” e Coro e Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma saranno impegnati in due capolavori: lo Stabat Mater, per doppio Coro, di Palestrina (1525-1594) e quello firmato da Domenico Scarlatti (1685-1757), per Coro Misto, all’organo il Maestro Gea Garatti Ansini. Il Pontificio Istituto di Musica Sacra aprirà il concerto con Stabat Mater dal Sequenziario tardivo di San Gallo. Ultimo appuntamento sabato 7 maggio 2016, sempre nella basilica di Sant’Agostino, ore 21, per ascoltare “Canto Gregoriano: brani della Solennità dell’Ascensione” eseguiti dal Pontificio Istituto di Musica Sacra, brani di Palestrina con la Cappella Musicale Pontificia “Sistina” e il Coro femminile e l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma in un brano di Olivier Messiaen (1908-1992).

“L’indizione del Giubileo della Misericordia – ha detto il Maestro Roberto Gabbiani, direttore del Coro del Teatro dell’Opera – non poteva non preludere ad una partecipazione attiva delle più importanti realtà musicali della città in una ricca proposta di concerti dove le varie culture si uniscono in un viaggio musicale nei secoli in cui la spiritualità ha espresso insigni capolavori corali. Le tre istituzioni si uniranno in un filo conduttore culturale e musicale volto all’esegesi del pensiero spirituale inerente il Giubileo della Misericordia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS