KABUL: AUTOBOMBA VICINO ALL’AMBASCIATA SPAGNOLA, ALMENO 2 MORTI Dopo l'esplosione è iniziato uno scontro a fuoco. A Nangharar una donna kamikaze ha ucciso 4 persone, tra cui 3 bambini

348
kabul autobomba

Una violenta esplosione ha scosso il centro di Kabul provocando due morti nei pressi dell’ambasciata spagnola. La deflagrazione è stata causata da un’autobomba ed è stata seguita da uno scontro a fuoco tra l’esercito regolare e alcuni miliziani. A due passi dal luogo dell’attentato, fra l’altro, si trova l’abitazione del vice presidente afgano, il generale Abdul Rashid Dostum. Il fatto è avvenuto alle 17.40 ora locale.

I militari, intervenuti immediatamente, hanno recintato l’area interessata allontanando le persone che si trovavano nei dintorni. Non è ancora chiaro se vi siano altre vittime oltre alle due accertate, né si conosce l’eventuale numero di feriti. L’attacco è stato rivendicato, con un comunicato, dai talebani.

Sempre oggi, una donna kamikaze di lingua russa si è fatta esplodere nella provincia orientale di Nangarhar causando la morte di quattro persone, tre bambini ed un agente dei servizi (Nds). Attaullah Khogyani, portavoce del governo provinciale, ha ha detto che la terrorista era stata arrestata la notte scorsa insieme a vari cittadini stranieri, ma mentre veniva trasferita al commissariato ha attivato la carica esplosiva che portava indosso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS