COP21, SLITTA A SABATO L’ACCORDO SUL CLIMA Il testo conclusivo era atteso per oggi, ma sarà firmato nel primo pomeriggio di domani

432
cop21

Novità sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici. La firma delle tanto attese conclusioni della 21esima conferenza sul clima di Parigi (COP21) che sarebbe dovuta avvenire oggi, slitta di 24 ore. Per ora alla bozza della Conferenza Onu per il Clima manca una soluzione definitiva su tre temi caldi: la differenziazione, i finanziamenti e l’ambizione. Il testo su cui si discute ha, intanto, già raggiunto un punto fermo, quello che fissa la soglia di aumento della temperatura rispetto all’era pre-industriale sotto i 2 gradi centigradi. Ma, prosegue il testo, sforzandosi di restare anche sotto quota 1,5 per ridurre rischi e impatti del cambiamento climatico.

È stata inoltre fissata al 2023 la data della prima revisione degli impegni nazionali. La parentesi più importante da togliere è quella sul finanziamento climatico, con due opzioni aperte sulle compensazioni per i danni irreversibili e le immigrazioni forzate. In un colloquio telefonico, il presidente Usa Barack Obama e il collega francese François Hollande hanno ribadito di volere un accordo ambizioso e duraturo. Le organizzazioni non governative hanno moltiplicato gli appelli al riconoscimento dei Paesi più vulnerabili e il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, si è detto fiducioso sul fatto che si arriverà ad un accordo universale sul cambiamento climatico, che – ha aggiunto – “renderà le vite degli esseri umani più sane e più prospere”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS