NATALE A ROMA, PRESEPI VIRTUALI A PIAZZA DI SPAGNA "Natale in Giubilo", la prima iniziativa organizzata dalla nuova associazione Confcommercio Centro di Roma

515

Fino al 6 gennaio le scene della Natività, fotografate dai quadri presenti in musei e chiese della capitale, saranno proiettate sulla facciata di Trinità dei Monti, la chiesa che troneggia sulla cima della scalinata di Piazza di Spagna, attualmente interdetta a turisti e cittadini a causa del restauro in corso. E’ il progetto “Natale in Giubilo”, la prima iniziativa organizzata dalla nuova associazione Confcommercio Centro di Roma. “Ecco un esempio di come una situazione che può penalizzare il centro storico possa trasformarsi in un’opportunità di attrazione e visibilità”, afferma Rosario Cerra, presidente di Confcommercio Roma.

“Stiamo già allestendo il progetto – spiega l’ideatrice dell’iniziativa, Livia Cannella -. Si tratta di un vero e proprio risarcimento alla cittadinanza perché quest’anno, a causa del cantiere sulla Scalinata di Trinità dei Monti, non ci sarà il tradizionale presepe. Per questo abbiamo deciso di mettere in scena un presepe ‘virtuale’, con le immagini della Natività prese dall’arte romana, e ogni giorno proietteremo un presepe diverso”.

L’associazione nasce per riunire le strade e le piazze del centro storico con l’obiettivo di rilanciare le attività commerciali e rappresentare una vetrina sempre più internazionale. All’interno di Confcommercio Centro di Roma, fanno parte piazza in Lucina, via di Campo Marzio, piazza di Spagna, via Frattina, via Bocca di Leone e via Due Macelli; presto se ne aggiungeranno altre. Non solo negozi e boutique, ma anche alberghi e ristoranti. “Grazie a questo progetto, sarà messa in campo una sinergia su molti temi come quello della sicurezza, dei rifiuti, del decoro — continua Cerra —. E per l’amministrazione sarà più facile avere un unico interlocutore. Per quanto riguarda il decoro, soprattutto per quegli esercizi commerciali che hanno attività all’aperto, abbiamo già una proposta pronta: dare a tutti delle linee comuni, dei layout per i disegni e gli arredi, indicando, eventualmente, anche i fornitori, come avviene a Parigi”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS