ARRESTATI TRE ISLAMISTI A BERLINO: PIANIFICAVANO ATTENTATI I tre fermati sono sospettati di aver fondato un'associazione terroristica e di aver preparato "pesanti azioni violente contro lo Stato"

479

Anche Berlino, la capitale della Germania, è finita sotto il mirino dell’Isis come ritorsione all’intervento militare in Siria – che prevede l’impiego di 1200 soldati – accordato dal Parlamento tedesco il 4 dicembre scorso. A riferirlo, il quotidiano tedesco Bild-Zeitung che riporta dell’arresto di tre jihadisti con l’accusa di aver pianificato attentati in Germania. I tre fermati sono sospettati di aver fondato un’associazione terroristica e di aver preparato “pesanti azioni violente contro lo Stato”, il primo dei quali avrebbe dovuto colpire proprio la capitale. Sempre secondo il Bild, uno degli arrestati avrebbe tra l’altro svolto in Germania attività di reclutamento di nuovi adepti da inviare in Siria per l’addestramento e – forse – il martirio.

Il primo allarme di una possibile presenza di terroristi nel Paese era scattata qualche giorno dopo gli attentati di Parigi, quando la polizia tedesca ricevette indicazioni concrete sulla volontà che qualcuno volesse far esplodere un ordigno nello stadio di Hannover, durante la partita amichevole tra Germania a Olanda a cui avrebbe dovuto partecipare anche la Cancelliera Angela Merkel.

Da quel giorno sono state avviate scrupolose indagini anti-terrorismo, volte a sgominare ogni possibile infiltrazione di terroristi islamici. Forze speciali della Bundeskriminalamt (BKA) – la polizia federale della Germania comparabile all’FBI statunitense – hanno proceduto a perquisizioni in diversi appartamenti della capitale e nel “Bezirk” di Neukölln – l’ottavo “distretto” di Berlino – in particolare. La Procura generale sta inoltre indagando su altri tre giovani tedeschi musulmani, rispettivamente di 17, 25 e 35 anni: anche in questo caso il sospetto è di preparazione di atti terroristici. I più anziani avrebbero fra l’altro aiutato il minorenne, che oggi si ritiene sia in Turchia, a partire per la Siria, per militare fra le fila di Isis. Per ora non ci sono stati fermi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS