ARABIA SAUDITA: AL VIA LA CONFERENZA DELL’OPPOSIZIONE SIRIANA Invitati i rappresentanti delle correnti moderate, senza distinzione di etnia e confessione religiosa

413
salman

Parte oggi a Riad la conferenza dell’opposizione siriana cui sono state invitate “tutte le fazioni moderate, nelle loro varie espressioni, correnti e componenti etniche, confessionali e politiche, sia quelle interne alla Siria che quelle all’estero”. Secondo il ministero degli Esteri arabo gli sforzi sauditi prendono il via “dal sostegno del regno a una soluzione politica della crisi in Siria” e si basano “sul comunicato diffuso dalla conferenza di Vienna 2 del 14 novembre scorso”, che faceva appello a “riunire gran parte dell’opposizione siriana per unire le sue fila e scegliere i suoi rappresentanti in vista di negoziati per dare il via a un processo di transizione del potere, secondo il comunicato di Ginevra 1 nel 2012”.

L’Arabia Saudita “fornirà tutte le agevolazioni possibili per permettere alle fazioni dell’opposizione siriana di svolgere consultazioni tra loro in modo indipendente e produrre una posizione unitaria secondo i principi concordati con Ginevra 1″, ha detto ancora la fonte, ricordando che la conferenza di Riad si concluderà il 10 dicembre. Quanto agli invitati, secondo il quotidiano con sede a Londra “Al-Sharq al-Awsat”, sono poco più di un centinaio tra Coalizione nazionale delle forze della rivoluzione e dell’opposizione, Comitato di coordinamento delle forze del cambiamento democratico , Conferenza del Cairo, Corrente dello Stato e rappresentanti di circa 16 fazioni militari non catalogate come estremiste, tra cui i Fronti meridionale, settentrionale e centrale, il Jaysh al-Islam, gli Ahrar al-Sham e il Faylaq al-Sham.

Per le fonti di “Al-Sharq al-Awsat”, alla luce dell’ampia base di rappresentanza delle forze d’opposizione presenti, con esponenti tanto delle forze politiche che della società civile e delle fazioni armate, la conferenza “sarà un passo importante verso il raggiungimento di una soluzione politica in Siria”. Le stesse fonti hanno rivelato che vi è “ottimismo generale da parte di tutte le fazioni sul fatto che si va verso un accordo importante e decisivo, soprattutto alla luce di una chiara volontà regionale e internazionale in tal senso”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS