MENO DEGRADO E MOBILITA’ EFFICIENTE, ECCO LA ROMA DEL GIUBILEO Predisposte le ultime misure alla vigilia dell'apertura della Porta Santa. Sicurezza: l'8 dicembre no fly zone dalle 7 alle 19

474
giubileo

Roma si prepara ad accogliere il Giubileo della Misericordia mentre in Occidente l’allerta terrorismo è al massimo livello. Il prefetto Franco Gabrielli ha detto di essere “tranquillo” e che il rischio di attentati esiste ma è “globale”, dunque non riguarda solo la Capitale. Ma Roma, dopo la cacciata di Ignazio Marino, ha dovuto correre anche su altri fronti per presentarsi pronta all’appuntamento. Ecco, in breve, il piano predisposto dalle autorità locali per l’Anno Santo.

DIVIETI: Oltre allo stop ai centurioni in alcune zone di Roma, il commissario Francesco Paolo Tronca ha varato per il Giubileo anche il divieto all’attività dei risciò e dei cosiddetti “saltafila” in diverse aree del centro cittadino. Con una ordinanza firmata ieri, quando è stata notata la presenza di numerosi promoter turistici ambulanti vicino alla basilica di San Pietro, Tronca ha esteso lo stop anche a questa zona.

MOBILITA’: A dicembre il trasporto pubblico romano verrà potenziato con più corse di bus e metro durante le feste natalizie e nei fine settimana. Il piano speciale prenderà il via martedì in concomitanza con l’apertura dell’anno giubilare. Nel corso degli eventi giubilari del mese di dicembre, Roma Capitale ha disposto l’entrata in vigore del piano grandi eventi per i bus turistici. Nelle giornate dell’8, 13, 20 e 27 dicembre sarà possibile acquistare permessi giornalieri che consentiranno di prenotare un parcheggio lunga sosta in cinque aree situate nelle vicinanze di stazioni ferroviarie, delle stazioni della metropolitana e del Vaticano. Nonostante una moratoria firmata dai sindacati,il governo pronto a precettare in caso di scioperi.

SICUREZZA: Appare già superpresidiata piazza San Pietro e tutta la zona circostante da forze dell’ordine e telecamere (circa 200 nuove sono state installate in centro nell’ultima settimana). “Oltre a 2250 uomini delle forze armate – ha detto il prefetto Franco Gabrielli – ce ne sono altri mille delle forze di polizia che si aggiungeranno”. In campo tra domani e dopodomani anche 900 vigili. Gabrielli ha inoltre vietato per martedì di trasportare carburanti, Gpl e metano dentro il Grande raccordo anulare (Gra), mentre da oggi e fino a mercoledì 9 sono interdette armi, munizioni, esplosivi, sostanze esplodenti e gas tossici. Off limits l’accensione di fuochi d’artificio. Per l’8 dicembre c’è il divieto assoluto di sorvolo tra le 7 e le 19 in un’area circolare con un raggio di circa 10 km dal centro della città.

CANTIERI: Gran parte dei lavori avviati dal Campidoglio per il Giubileo saranno terminati entro fine gennaio, ha promesso Tronca, quindi l’inizio dell’Anno Santo a Roma si preannuncia a cantieri aperti. “Stiamo lavorando incessantemente – ha detto Tronca -. Quando il primo novembre ho assunto questa responsabilita’ non era aperto nessuno dei 31 cantieri previsti. Abbiamo proceduto a marce forzate: ad oggi sono aperti il 60% dei cantieri, in totale 18 su 31 e gli altri verranno aperti nei prossimi giorni”.

SANITA’: Nelle strutture sanitarie della Capitale sono stati “riservati 300 posti letto per situazioni di crisi e anche altri in strutture militari”, ha affermato Gabrielli. “In caso di attentato abbiamo posti disponibili nei pronto soccorso, 13 pronto soccorso sono stati resi operativi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS