CIAD, TRIPLICE ATTENTATO SUICIDA DI BOKO HARAM: 30 MORTI La regione è da mesi sotto attacco da parte dei fondamentalisti islamici nigeriani

513
boko haram

Il triplice attacco suicida nella città di Koulkoua, su un’isola ciadiana del lago Ciad, avvenuto ieri, ha provocato – secondo le ultime stime – almeno 30 morti e 80 feriti. Un numero destinato probabilmente a crescere nelle prossime ore per la gravità delle lesioni riportate da alcune vittime. Lo hanno reso noto fonti della sicurezza locali. Come riportato da una fonte anonima dell’emittente televisiva britannica dalla Bbc, “Tre kamikaze si sono fatti esplodere in tre posti differenti nel mercato settimanale di Loulou Fou”.

Questa regione è logorata da mesi dagli attacchi del gruppo islamico terrorista originario della vicina Nigeria “Boko Haram” – letteralmente: “l’educazione occidentale è peccato” – tanto da dover essere sottoposta, il 9 novembre scorso , in “stato di emergenza” dal governo di N’Djamena, capitale dello stato africano. Da mesi il gruppo Boko Haram sta moltiplicando gli attacchi e gli attentati suicidi nei villaggi ciadiani del lago, situati a qualche chilometro dalla frontiera con la Nigeria con lo scopo di instaurare lo stato islamico nella zona. L’attacco più grave, sulle rive del lago Ciad, è avvenuto il 10 ottobre scorso quando tre kamikaze si sono fatti esplodere e hanno provocato 41 morti e 48 feriti nella sub-prefettura di Baga Sola, villaggio situato sulla sponda est del bacino.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS