“ITALIA CORAGGIO!”, IL PD CERCA L’UNITA’ CON 2000 GAZEBO Tra sabato e domenica I banchetti saranno presenti nelle piazze del bel Paese. Partecipa anche la minoranza

294
gazebo pd

Duemila banchetti, un milione di volantini con stampate le nuove misure del governo, cinque schede tematiche, due opuscoli prodotti da gruppi Camera e Senato più una scheda “Diccelo tu” per invitare i cittadini a inviare opinioni e proposte via sms al numero 3202041583. La sinistra si riunisce, minoranza dem compresa, per la due giorni indetta dal premier Matteo Renzi per rilanciare il Pd dalle piazze italiane. Per “dire all’Italia che è il tempo del coraggio, non della paura” e mostrare – parola di Renzi – che il Pd è “spesso litigioso”, ha “tanti difetti e limiti”, ma sa mobilitarsi unito per “restituire all’Italia il ruolo che le spetta”. Un weekend di “tregua”, in nome del partito, che però tornerà a dividersi il prossimo fine settimana tra l’iniziativa che vuole lanciare la “fase adulta” del progetto renziano -la Leopolda a Firenze – e l’evento romano che vuole rilanciare la sinistra dem, in programma al Teatro Vittoria.

L’iniziativa serve sia a dimostrare, dopo gli attentati di Parigi, che non si deve aver paura ad andare in piazza, sia a rivendicare che “i primi risultati” del governo, grazie alle riforme, “si vedono”. Il sito Unita.tv farà una diretta dalle piazze ma non è ancora stato reso noto dove andrà il premier anche per motivi di sicurezza. Renzi probabilmente farà visita alla sua Pontassieve, mentre è ufficiale Graziano Delrio sarà a Reggio Emilia, Lorenzo Guerini a Milano e Lodi, Dario Franceschini e Giuliano Poletti a Bologna, Matteo Orfini a Roma, Ettore Rosato a Muggia, nel triestino, e Maria Elena Boschi in trasferta a Ercolano. Ma sarà in prima linea anche la minoranza Pd, in nome della ‘ditta’ che, non si stanca di ripetere Pier Luigi Bersani, “è il partito”. E allora l’ex segretario sarà a Piacenza, Gianni Cuperlo a Roma, Roberto Speranza a Potenza.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS