AFGHANISTAN: SMENTITA LA MORTE DEL MULLAH MANSOUR, GIALLO SULLA SUA SORTE Secondo alcuni esponenti talebani il successore di Omar sarebbe stato ucciso. Il portavoce del gruppo: "Propaganda del governo"

432
mullah mansour

Giallo sulla sorte di Akhtar Mansour, mullah dei talebani afghani succeduto a Omar. Fonti interne avevano riferito che il gran capo del gruppo fondamentalista fosse morto a seguito di una lite sfociata in sparatoria, ma il suo portavoce ha smentito questa ipotesi. Il fatto è avvenuto martedì sera in Pakistan, nella casa di un altro esponente talebano vicino a Quetta e conferma le crescenti tensioni all’interno della setta islamista, messa sotto pressione dall’espansione dell’Isis nel Paese asiatico. La nomina di Mansour ha aperto una disputa tra i militanti, perché non è riconosciuta da una fazione rivale.

Il principale portavoce dei talebani ha definito le notizie propaganda dei servizi di intelligence afghani per creare divisioni nel movimento. Mansour, ha affermato, è vivo e sta bene. Lo scetticismo è forte anche a causa delle segretezza che circondò la morte del fondatore talebano mullah Mohammad Omar, confermata solo a luglio, due anni dopo il decesso. Da Mansour non c’è stata alcuna dichiarazione diretta e il portavoce talebano Zabihullah Mujahid ha fatto sapere che misure di sicurezza rafforzate mostrano che i tentativi di contattarlo stanno necessitando di tempo.

“Stiamo tentando di localizzarlo attraverso i nostri, per ottenere la sua voce e diffonderla ai media, in modo da zittire queste voci diffuse dal governo fantoccio afghano”, ha affermato Mujahid. L’incertezza sul destino di Mansour, intanto, ha oscurato le prospettive sulla ripresa del processo di pace sostenuto dal Pakistan, dopo che i colloqui si sono interrotti a luglio a seguito della morte del mullah Omar. Altri membri del gruppo, vicini a Mansour, hanno riferito che è rimasto ferito nella sparatoria durante una lite su come gestire la fazione ribelle. Sarebbe stato portato in un ospedale privato per essere curato e sarebbe in condizioni critiche.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS