LA CINA METTE IN CAMPO LA SUPER BANCA, A GENNAIO L’APERTURA Il nuovo soggetto finanziario regionale raggiungerà i requisiti per l'apertura già entro fine dicembre dopo che anche Russia e India avranno terminato le procedure legislative per l'approvazione dei rispettivi Paesi a entrare ufficialmente nella nuova banca

354

Dopo Bce, Bei, Fed, Ttip, Adb, una nuova super banca è pronta per fare il suo debutto nei mercati mondiali. Da metà gennaio 2016 sarà infatti operativa la Aiib, acronimo di Asian Infrastructure Investment Bank. Lo ha dichiarato oggi, ai microfoni dell’agenzia Xinhua, Chen Huan, che è a capo dei lavori di preparazione per il lancio della nuova banca asiatica a guida cinese.

Il nuovo soggetto finanziario regionale raggiungerà i requisiti per l’apertura già entro fine dicembre, ha spiegato Chen,  – due tra i maggiori azionisti della Aiib – avranno terminato le procedure legislative per l’approvazione dei rispettivi Paesi a entrare ufficialmente nella nuova banca. In base alle regole dell’istituto monetario, per potere partire occorre un’approvazione dello statuto da parte di almeno dieci Paesi che devono detenere, in totale, almeno il 50% delle partecipazioni al nuovo soggetto finanziario.

La Cina ha ratificato l’ingresso nella Asian Infrastructure Investment Bank a inizio novembre. Finora dodici Paesi hanno approvato l’ingresso, ma la loro quota è al momento inferiore al 50% del totale delle partecipazioni. La nuova banca a guida cinese ha un capitale registrato di cento miliardi di dollari e nei primi cinque di vita investirà fino a 15 miliardi di dollari all’anno per investimenti infrastrutturali, come dichiarato nei giorni scorsi dal presidente designato del gruppo, Jin Liqun. Energia, trasporti e costruzioni saranno tra i principali campi di investimento della Aiib, che promette di finanziare anche progetti nei campi dell’educazione e della sanità.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS