CASO SU-24, DAVUTOGLU: “DALLA RUSSIA UNA PROPAGANDA SOVIETICA” Il premier turco dopo le accuse di Mosca a Erdogan: "Sono menzogne da Guerra Fredda". Ankara blinda il confine siriano

267
davutoglu

“Nessuno crede alla macchina della propaganda sovietica da Guerra Fredda”. Ahmet Davutoglu, premier turco, azzarda un paragone con il passato per rispondere alle accuse di Mosca sul presunto commercio illegale di petrolio con l’Isis che coinvolgerebbe il presidente Recep Tayyp Erdogan. Parole che sono state definite una “calunnia” dall’interessato e “menzogne” dal capo del governo. La tensione tra i due Paesi resta alta dopo l’abbattimento del Su-24 sul confine siriano. Davutoglu ha inoltre spiegato che la Turchia sta facendo il possibile per chiudere la frontiera con la Siria come richiesto, nell’incontro con Erdogan di martedì scorso a Parigi, dal presidente Usa Barack Obama.

Secondo il titolare della Casa Bianca sono stati fatti dei progressi in tal senso, “ma vi sono ancora molte lacune”. In particolare Obama ha notato che vi è ancora un tratto di circa 98 chilometri utilizzati dai terroristi dello Stato islamico per spostarsi e utilizzato anche per spedire il carburante venduto illegalmente dall’Is”. Davutoglu nei prossimi giorni sarà in Azerbaijan, primo viaggio all’estero dopo aver ottenuto la fiducia in Parlamento lo scorso 30 novembre. E’ probabile che durante il vertice con il presidente azero Iham Aliyev e l’omologo Artur Rasizade venga anche discussa la possibilità di sottoscrivere contratti per nuove forniture energetiche dopo che i contrasti con la Russia potrebbero avere ripercussioni su Ankara.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS