RENZI AL POPOLO DEM: “PIL IN CRESCITA, L’ERA DELLE CHIACCHIERE E’ FINITA” Il premier nella lettera agli iscritti Pd: "Migliorate le previsioni di inizio anno. Ci siamo caricati di un'enorme responsabilità"

363
renzi stabilità legge

“Dopo tre anni finalmente il Pil quest’anno sarà positivo. Meglio delle previsioni di inizio anno”. Matteo Renzi, nella lettera inviata agli iscritti Pd alla vigilia della mobilitazione con i banchetti in piazza in Tutta Italia, rivendica i risultati ottenuti dal governo nell’economia. “Giusto qualche dato ufficiale: a ottobre del 2014 – prosegue il premier – la disoccupazione era al 13%, oggi è scesa all’11,5%. Ci sono più di trecentomila italiani in più al lavoro da quando il governo ha imboccato la strada del JobsAct. I mutui crescono, i contratti stabili, finalmente! La fiducia di consumatori e investitori è ai massimi da vent’anni a questa parte”.

E allora, rivolgendosi al popolo dem (“care democratiche, cari democratici”, l’incipit) in questi che sono “giorni intensi per l’Italia e per il mondo”, Renzi passa sinteticamente in rassegna le questioni dell’agenda internazionale e interna per sottolineare che “le cose finalmente iniziano a marciare” e sintetizza le ragioni della campagna di mobilitazione. “Il Pd – rivendica – si è caricato di una responsabilità enorme, all’inizio della legislatura. Sembrava tutto finito, il Paese nel caos e l’instabilità politica veniva considerata una delle cause più pericolose della recessione. Adesso che la musica è cambiata e dalla stagione delle chiacchiere siamo passati alle riforme, credo sia il momento di dare con forza un messaggio di speranza agli italiani”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS