CAMERUN: DOPPIO ATTACCO KAMIKAZE A WAZA, MORTI 4 CIVILI E' il primo attentato suicida che colpisce la città situata al confine con la Nigeria. Nei giorni scorsi l'esercito aveva liberato 900 ostaggi di Boko Haram

262

Quattro civili sono morti a seguito di un doppio attentato suicida avvenuto ieri sera a Waza, nell’estremo Nord del Camerun. La notizia è stata diffusa da fonti della sicurezza locali, le quali hanno precisato che tra le vittime ci sono anche membri dei comitati di vigilanza formati da cittadini contro la minaccia rappresentata da Boko Haram, organizzazione jihadista attiva tra Nigeria, Nigeri, Ciad e, appunto, Camerun. E’ la prima volta che Waza, situata nei pressi del confine con la Nigeria, viene colpita da attentati suicidi. E’ dalla scorsa estate che la zona settentrionale del Camerun viene regolarmente colpita da attacchi kamikaze, mai rivendicati, ma attribuiti ai jihadisti nigeriani. Le autorità hanno rafforzato la presenza militare lungo la frontiera con la Nigeria.

Nei giorni scorsi l’esercito camerunese ha eliminato un centinaio di affiliati a Boko Haram liberando circa 900 ostaggi nelle loro mani. Il blitz è andato in scena nelle regioni settentrionali del Paese.
Si è trattato di “un’operazione speciale di rastrellamento è stata condotta del 26 al 28 novembre contro i combattenti” di Boko Haram nelle zone di frontiera con la Nigeria, ha spiegato il ministro della Difesa Joseph Beti Assomo con un messaggio sulla radio nazionale, e “ha permesso di neutralizzare oltre un centinaio di jihadisti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS