“DONA L’ORA”, IL PROGETTO PER REGALARE ORE DI TERAPIA GRATIS A CHI HA SUBITO TRAUMI Con le donazioni si "regala tempo" per aiutare i minori con disturbi psicologici

390

“Dona (l’) ora” è il nome dell’iniziativa nata per regalare ascolto e sostegno psicologico a chi ha subito un trauma, con una particolare attenzione alla salvaguardia dei minori. E’invito che arriva dall’associazione pugliese “Progetto Sirio”, che rilancia la sua idea in occasione delle feste di Natale. “Una sorta di caffè sospeso del benessere psicologico – spiegano gli organizzatori – in cui le donazioni fatte all’associazione si trasformano immediatamente in ore di supporto psicologico gratuito a tutte le persone che non possono permetterselo economicamente”.

Questa è proprio la mission dell’associazione, che prende il nome dalla stella più luminosa del cielo notturno, ma anche una delle più vicine alla Terra. L’obiettivo è far sì che “l’immagine della persona amata possa convivere accanto a chi rimane, non cancellando il dolore per la perdita, ma rendendolo più sopportabile, avvicinando il cielo alla terra e dando un po’ di luce alla vita di chi resta”. Uno scopo che, per l’associazione, in molti casi si può realizzare solo con un supporto psicologico professionale e specializzato, che purtroppo non tutti possono permettersi. “Progetto Sirio sogna una società in cui a tutti i bambini e a tutte le persone che vivono momenti di fragilità emotiva sia assicurata la salute psicologica, quale parte fondamentale di un generale stato di benessere della persona”.

Donazioni che, con l’arrivo delle feste, contano anche su una significativa collaborazione: quella della cooperativa Sociale Csise di Triggiano (nei pressi di Bari), che nel suo centro può ospitare fino a 20 utenti segnalati ed inviati dai Centri di salute mentale del territorio. I laboratori della cooperativa hanno prodotto “regali di Natale”: acquistando questi oggetti, in vendita anche on-line, si lasciano “ore sospese” di sostegno psicologico a chi ne ha bisogno.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS