SOMMOSSA IN CARCERE IN GUATEMALA: 16 MORTI TRA CUI TRE DECAPITATI La struttura di detenzione era stato progettato per ospitare circa 600 persone ma al momento è popolato da 3.092 uomini

332

Una sommossa scoppiata domenicaall’interno del Granja Penal Canada, una prigione ubicata nella costa sud del Guatemala, ha lasciato sul terreno 16 morti, tre dei quali decapitati. La struttura di detenzione – conosciuta con il nome di Struttura riabilitativa Canada – era stato progettato per ospitare circa 600 persone ma al momento è popolato da 3.092 uomini. Lo precisa lo stesso portavoce della struttura, Rudy Esquivel.

Stando allo stesso Esquivel, lo scontro è scoppiato domenica a causa di ‘”dissapori” tra i membri delle gang – “mara” in slang sudamericano – “18” e “Salvatrucha” e altri carcerati non affiliati ad alcuna banda. La maggior parte dei morti presenta segni di arma da taglio o da fuoco. Non è chiaro come le armi possano essere entrate in prigione. Il viceministro dell’Interno Elmer Sosa ha detto che polizia ed esercito sono dovuti intervenire nella prigione per riportare l’ordine.

Almeno 2.000 agenti – appoggiati da elementi dell’esercito e di un blindato – hanno circondato la struttura, circondata da due alte barriere di metallo e tra queste una rete ad alto voltaggio, mentre centinaia di poliziotti hanno fatto irruzione nella struttura nella giornata di lunedì per riprenderne il controllo.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS