FORUM DELLE FAMIGLIE, DE PALO È IL NUOVO PRESIDENTE La rete è composta da 400 associazioni, giovani genitori, famiglie con disabili, anziani non autosufficienti, famiglie numerose e migranti

396

“Siamo la voce di quelle famiglie italiane che non arrivano alla fine del mese perché costrette a fare i conti con un fisco iniquo e vecchio che non tiene conto del numero dei figli”. Lo ha dichiarato Gianluigi De Palo, il nuovo presidente del Forum delle Famiglie, una rete di oltre 400 associazioni, nazionali e locali. Trentanove anni, padre di quattro figli, da sempre impegnato sui temi delle politiche familiari, guiderà il Forum, che si occupa di giovani genitori, famiglie con disabili, anziani non autosufficienti, famiglie numerose e migranti.

Già presidente delle Acli di Roma e promotore del “movimento dei passeggini”, De Palo ha spiegato che il Forum comprende 59.132.045 persone su 59.433.744 che in Italia, secondo i dati Istat, vivono all’interno di una famiglia.

“Siamo la voce di quelle coppie – ha osservato il neo presidente del Forum delle famiglie – che vorrebbero mettere al mondo un figlio, ma sanno che facendolo nel nostro Paese diventano povere” e anche “di quelle mamme italiane che vorrebbero fare due figli e invece ne fanno 1,39 di media, rischiando di venire licenziate”.

Secondo De Palo, l’Italiadeve dimostrare se vuole vincere la sfida del futuro o se sceglie di rassegnarsi all’antipolitica”. “Il problema della denatalità – ha poi spiegato – non è un problema sociologico, legato solo alle nascite, ma un problema di speranza e di fiducia. Il Forum non vuole rassegnarsi ad un Paese che gestisce le emergenze”. Proprio per questo l’intento del Forum è “rimettere al centro dell’agenda politica la vera priorità del Paese, che è la famiglia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS