ALBERI SUPER E PRESEPI DI GHIACCIO, L’UMBRIA SI PREPARA AL NATALE In occasione del Giubileo saranno tante le iniziative nella Regione del centro Italia per celebrare la festa più amata

478
assisi natale

L’Umbria si prepara al Natale tra presepi monumentali o di ghiaccio, alberi giganteschi e stelle comete da record. Per la piccola regione del centro Italia questa festività è sempre speciale e lo sarà ancora di più quest’anno, nonostante le tensioni e il momento di paura che l’Europa sta vivendo dopo la strage di Parigi.  A raccontarlo nella Sala Trevi nel centro storico di Roma è stato il vicepresidente della Regione Umbria e assessore al Turismo Vincenzo Paparelli. “La storia della nostra Regione è di pace, di tranquillità e di spiritualità e ora questo messaggio diventa sempre più importante – ha spiegato -. E poi, dopo Roma, siamo anche i più coinvolti nell’evento Giubileo con i nostri grandi santi da san Francesco a santa Rita, con le nostre chiese e i conventi e i nostri bellissimi percorsi spirituali”.

“Un giornalista anni fa – ha raccontato Antonella Tiranti, dirigente del servizio Turismo della regione Umbria – mi disse: ‘L’Umbria è bellissima ma ve lo tenete per voi…’. Ebbene sconfiggendo questa nostra naturale ritrosia e riservatezza partiamo all’attacco per far scoprire e vivere questi luoghi con la campagna stampa, radio e web ‘A Natale regalati l’Umbria’ che si concentra nelle città italiane da cui provengono principalmente i nostri turisti (Milano, Bologna, Roma, Napoli) e nelle nazioni estere che ci prediligono (Germania, Belgio, Olanda)”.

Il cuore delle celebrazioni giubilari è proprio Perugia, dove il 13 dicembre si apre la Porta Santa della Cattedrale di San Lorenzo. Profumo di abete e cannella, invece, nel centro storico con i mercatini di Natale e presepi come quello delle logge di Braccio Fortebraccio o quello vivente nei sotterranei della Basilica di San Domenico. Poco lontano c’è La Natività ad Orvieto, un circuito di circa 22 presepi tra artistici, artigianali e tradizionali allestiti in cavità, cantine e chiese del centro storico e in alcune frazioni.

Dal 23 dicembre poi il 27/o Presepe del Pozzo, un presepio sotterraneo con personaggi animati a grandezza naturale nella suggestiva grande grotta di origine etrusca del Pozzo delle Cava. A Città di Castello c’è la XVI Mostra Internazionale di Arte Presepiale con 200 espositori.

Ad Amelia, nella cattedrale è allestito un presepe permanente realizzato dall’artista Carlo Chiappafreddo mentre al Convento SS. Annunciata, visitabile sempre tutto l’anno quello dello spagnolo Juan Maria Oliva. A Città della Pieve, nei sotterranei del Palazzo della Corgna, si tiene il presepe monumentale, una tradizione che si tramanda da oltre trent’anni. A Massa Martana dal 24 dicembre il Natale avrà il singolare presepe di ghiaccio, quest’anno dedicato alla Beata Madre Speranza.

Ad Assisi i presepi saranno in ogni dove, nel centro cittadino come in periferia ma assolutamente da non perdere è la Mostra Tutti i presepi del Mondo” alla Porziuncola di Santa Maria degli Angeli di Assisi. Altra meraviglia il presepe monumentale nel prato della Basilica di San Francesco ad Assisi con personaggi in terracotta a grandezza naturale.

Le luci fanno parte del Natale sarà anche così a Spoleto nel centro storico e a Gubbio e Terni grazie anche a due “simboli” conosciuti in tutto il mondo. A Gubbio sulle pendici del monte Ingino torna il piu’ grande albero di Natale del mondo: oltre 300 sorgenti luminose collegate da 8.500 metri di cavi elettrici. A Miranda, frazione di Terni, c’è la maxi “stella” cometa – 105 metri di diametro, 350 metri di coda per una superficie complessiva di 30.000 metri quadrati – la più grande al mondo nel suo genere. Ci sono le luci artificiali e quelle naturali, dei fuochi. I “focaracci” o “Fuochi della Venuta”, nella Valnerina, sono un momento di grande suggestione per celebrare la Traslazione della Santa Casa della Vergine di Nazareth nel 1294, quando i musulmani occuparono la città e gli angeli, secondo la tradizione locale, rimossero la costruzione e la trasferirono in volo fino a Recanati. Particolarmente suggestivo poi il Focone di Monteleone che si svolge nella piazza medievale il 9 dicembre. Grandi falo’ anche a Norcia con la Festa delle Campane.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS