TENSIONI TURCHIA-RUSSIA: ERDOGAN CERCA L’INCONTRO CON PUTIN Il "Sultano" pronto a vedere lo "Zar" durante il Co21 di Parigi. Silenzio dal Cremlino

371
putin erdogan

Ankara cerca l’incontro con Mosca per provare a distendere gli animi dopo l’abbattimento del Su-24 russo da parte di alcuni jet turchi. Nonostante abbia ribadito che il suo Paese non è tenuto a chiedere scusa a nessuno (“semmai dovrebbero farlo gli altri” ha detto) il Recep Tayyp Erdogan è determinato a parlare in prima persona con Vladmir Putin per chiarire la vicenda. L’occasione potrebbe essere il Co-21 di Parigi cui parteciparanno i più importanti leader mondiali per parlare dei cambiamenti climatici. Il titolare del Cremlino, secondo quanto riferito dal portavoce Dmitri Peskov, “è stato informato” della volontà del suo omologo russo ma non ha ancora dato una risposta.

Ankara ha proposto un incontro tra Putin ed Erdogan a margine della Conferenza Onu sul clima a Parigi il 30 novembre e il presidente russo “è stato informato” di questa richiesta: lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. Putin, durante la riunione del Consiglio di sicurezza nazionale ha discusso delle recenti evoluzioni in Siria, comprese le inaspettate “azioni aggressive” da parte della Turchia.

Intanto circa 50 imprenditori turchi sono stati arrestati dalle autorità russe per “false dichiarazioni su motivi del loro viaggio nel Paese”, a fronte della crisi in atto tra Ankara e Mosca dopo l’abbattimento di un caccia russo da parte della Turchia. Stando a quanto riportato oggi dal quotidiano turco Hurriyet, gli imprenditori sono stati arrestati due giorni fa nella città russa di Krasnodar, dove si trovavano per una fiera agricola, e ieri sono stati condannati a 10 giorni di detenzione e a pagare, ciascuno di loro, una multa di 4.000 rubli (57 euro). Secondo la corte, gli imprenditori avrebbero chiesto un visto turistico, sebbene si trovassero in Russia per motivi di lavoro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS