SPOSE BAMBINE IN AFRICA, L’UNICEF: “METTERE AL BANDO IL MATRIMONIO INFANTILE” In tutta l`Africa, la percentuale di giovani donne che si sono sposate da bambine è diminuita dal 44% del 1990 al 34% di oggi

483

Secondo un rapporto dell`Unicef lanciato oggi a Lusaka (Zambia) in occasione del Summit dell`Unione Africana sulle bambine, se gli attuali livelli rimarranno stabili il numero totale delle spose bambine in Africa aumenterà dai 125 milioni ai 310 milioni entro il 2050, anno entro il quale il continente africano sorpasserà l`Asia meridionale come regione con il più alto numero di donne di età compresa tra i 20 e i 24 anni che si sono sposate da bambine. In tutta l`Africa, la percentuale di giovani donne che si sono sposate da bambine è diminuita dal 44% del 1990 al 34% di oggi. E` previsto che il totale della popolazione femminile africana aumenti dagli attuali 275 milioni ai 465 milioni del 2050, sono quindi necessari interventi molto più ambiziosi, poiché persino raddoppiare l`attuale tasso di riduzione del matrimonio infantile significherebbe avere ancora un aumento del numero delle spose bambine.

“Il grande numero delle bambine coinvolte – e ciò che questo rappresenta in termini di infanzie perdute e futuri distrutti – sottolinea l`urgenza di mettere al bando la pratica del matrimonio infantile una volta per tutte”, ha dichiarato il Direttore generale dell`Unicef Anthony Lake. “I dati sono chiari nel mostrare che per porre fine al matrimonio infantile è necessario interventi maggiormente indirizzati a raggiungere le bambine più povere e marginalizzate, quelle che ne hanno maggiore bisogno e quelle maggiormente a rischio, con un`istruzione di qualità e l`offerta di altri servizi di protezione. Sono in gioco le loro vite e il futuro delle loto comunità. Ogni sposa bambina rappresenta una tragedia individuale. Un aumento del loro numero è intollerabile”.

“Il matrimonio infantile genera norme sociali che sono diventate sempre più difficili da eliminare – norme che minano il valore delle nostre donne – ha dichiarato la Presidente della Commissione dell`Unione Africana Nkosozana Dlamini Zuma. “Attraverso una maggiore sensibilizzazione, combinata ad un approccio collaborativo, i disastrosi effetti del matrimonio infantile possono essere eliminati”. Quando i bambini si sposano, la loro prospettiva di una vita in salute e prosperosa diminuisce drasticamente e spesso stabilisce un ciclo di povertà intergenerazionale. Le spose bambine hanno meno probabilità di terminare gli studi, sono più a rischio di essere vittime di violenze e di contrarre il virus dell`HIV. I bambini nati da madri adolescenti corrono un rischio maggiore di morire alla nascita o subito dopo il parto a di avere un basso peso alla nascita. Le spose bambine spesso non hanno le competenze necessarie per trovare lavoro. L`Unione Africana, lo scorso maggio, ha lanciato in tutto il continente una campagna per porre fine al matrimonio infantile. A questo ha fatto seguito un piano di azione per i governi per ridurre il tasso di matrimonio infantile aumentando l`accesso delle bambine alla registrazione alla nascita, ad un`istruzione di qualità e a servizi di salute riproduttiva; così come il rafforzamento e la messa in pratica di leggi e politiche che proteggano i diritti delle bambine e delle adolescenti e proibiscano il matrimonio prima dei 18 anni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS