In Sardegna una marcia per la pace e per l’ambiente

578

“Non abbiamo bisogno di pistole e bombe per portare la pace, abbiamo bisogno di amore e compassione”, diceva Madre Teresa di Calcutta, una massima che la Caritas della Diocesi di Ales-Terralba ha fatto sua; l’organismo, infatti, organizza tre giornate di riflessione in preparazione dell’annuale edizione della “Marcia della pace” che si terrà a Carbonia il prossimo 30 dicembre. La prima giornata si svolgerà presso l’aula magna del seminario di Cagliari e verterà sul tema “Dignità e Lavoro per conquistare la pace”. Parteciperanno all’incontro monsignor Miglio, arcivescovo di Cagliari, e i tre sindacati confederali. Alla conferenza, coordinata dal direttore della Caritas Marco Lai, saranno presenti tutti i membri del Comitato promotore, i rappresentanti delle organizzazioni di categoria e del volontariato sociale. Le altre giornate si svolgeranno a Iglesias, dove si parlerà di Ambiente ed Ecologia, e Sassari, dove le discussioni verteranno sulla povertà.

Giunta alla ventinovesima edizione, la Marcia avrà come tema “Vinci l’indifferenza e conquista la pace” e diventerà un’iniziativa a carattere regionale con il coinvolgimento delle altre Caritas diocesane e della delegazione regionale. “L’indifferenza – secondo i promotori – è spesso legata a diverse forme di individualismo che producono isolamento, ignoranza, egoismo e, dunque, disimpegno. Perciò, si intende evidenziare e sviluppare le tematiche relative al lavoro-non lavoro, alla povertà, e all’ambiente, argomenti che in Sardegna, più di tutti, insidiano la pace”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS