SI CELEBRA OGGI LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

496
violenza

Nel nostro paese e nel mondo il 25 di novembre si commemora il Giorno Internazionale della Non Violenza nei Confronti della Donna. L’idea di istituire una data che sottolineasse l’impegno della società civile ad adoperarsi con ogni mezzo per eliminare la violenza fisica, psicologica e verbale contro il gentil sesso ha origine durante il primo Incontro Internazionale Femminista, celebrato in Colombia (Usa) nel 1980. Durante quel meeting, a cui parteciparono anche molte rappresentati di Paesi esteri, la delegazione della Repubblica Dominicana propose come data il 25 novembre in onore alle tre sorelle dominicane Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, assassinate dal regime trujillista il 25 novembre del 1960.

La dittatura del presidente Rafael Leónidas Trujillo insanguinò lo stato domenicano per oltre 30 anni. Sotto il suo potere tirannico, incentrato sulla nazionalizzazione dei beni dei privati cittadini – spesso confluiti sui conti correnti personali di Trujillo – morirono circa 50mila persone tra oppositori e semplici civici. A pagare lo scotto maggiore furono le minoranze haitiane: nell’autunno del 1937, Trujillo ordinò l’uccisione degli haitiani che vivevano nella zona di confine domenicano – circa 20mila persone – come “pulizia etnica”. La mattanza, che durò 5 giorni, fu denominata “El corte” o anche “Massacro del prezzemolo”, poiché i militari identificavano gli haitiani chiedendo loro di riconoscere un rametto di prezzemolo; quanti non sapevano rispondere o pronunciare correttamente la parola spagnola “perejil” (prezzemolo), venivano uccisi.

Le tre sorelle Mirabal si opposero nei primi anni ’50 alla dittatura trujillista fondando insieme ai loro mariti l’associazione clandestina “14 giugno”. I gruppi – che si svilupparono rapidamente in tutto il Paese – combattevano il regime e chiedevano elezioni libere e democratiche. Per tale motivo il presidente prima incarcerò poi – una volta liberate – fece uccidere le tre sorelle a bastonate dal proprio corpo militare. I corpi vennero caricati su un auto che venne poi gettata in un fosso per simulare un incidente. Nessuno però credette alla versione ufficiale e l’omicidio a sangue freddo delle tre attiviste politiche indignò l’opinione pubblica dentro e fuori i confini nazionali. Trujillo uscì dalla protezione degli Stati Uniti – di cui godeva da anni per gli scambi commerciali di zucchero – e venne assassinato l’anno seguente da cospiratori con il probabile sostegno della Cia. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ufficializzò la data del 25 novembre per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in omaggio alle sorelle Mirabal, il 17 dicembre del 1999.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS