FACEVANO IL “LAVAGGIO DEL CERVELLO” A GIOVANI DONNE: SCOPERTA CELLULA DI JIHADISTE A LONDRA E' quanto si è scoperto grazie ad un'indagine sotto copertura di Channel 4 durata circa un anno, nel corso della quale una reporter è riuscita ad infiltrarsi nel gruppo

375

Facevano il “lavaggio del cervello” a giovani donne musulmane e le spingevano così a lasciare il Regno Unito per  unirsi ai jihadisti in Siria. E’ quanto si è scoperto grazie ad un’indagine sotto copertura di Channel 4 durata circa un anno, nel corso della quale una reporter è riuscita ad infiltrarsi nel gruppo.

La giornalista ha girato un video, dal titolo “Isis: The British Women Supporters Unvailed” nel quale si vedono tre donne – che si identificano come Umm Saalihah, Umm L e Umm Usmaan – che su Twitter plaudono alle azioni dei jihadisti e promuovono l’ideologia estremista del Califfato, sia online sia direttamente alle giovani donne nel corso di incontri, segreti, ai quali erano presenti anche bambini.

Una delle donne, il cui vero nome è Rubana, in uno degli incontri, ai quali si accede solo su invito, predica ai presenti messaggi di odio, insulta gli ebrei definendoli “sporchi e cattivi” e incitando a non sottomettersi mai “alla legge di un Paese o nazione”. Un’altra donna, Umm Saalihah, in una riunione ha elogiato i terroristi e ha esortato le giovani donne presenti ad “abbandonare la democrazia per entrare in un gruppo terroristico”.

“Il fatto che ci siano donne, ragazze e bambini è particolarmente preoccupante in termini di ciò che a questi bambini viene insegnato a credere – ha detto l’esperto di antiterrorismo della polizia inglese, Hannah Stuart -. non siamo solo preoccupati per i giovani che vanno a combattere per l’Is, siamo preoccupati per le intere famiglie che lasciano il paese per emigrare e vivere nello Stato islamico, ed è in lezioni come queste che si incoraggiano le donne a farlo facendogli credere che è un loro dovere religioso”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS