ALGERI, INCENDIO IN UN CAMPO PROFUGHI: 18 MORTI E 43 FERITI Il rogo sarebbe stato causato dai tentativi degli stessi ospiti del centro di riscaldarsi di fronte all'ondata di freddo che ha colpito la regione

401
algeria

E’ di almeno 18 migranti morti – tra cui due bambini – e 43 feriti il bilancio delle vittime di un incendio scoppiato per cause ancora da accertare nel campo profughi algerino di Ouargla, 800 chilometri a sud est di Algeri. A renderlo noto sono la protezione civile e i servizi di emergenza.

“L’incendio e’ scoppiato alle 3 del mattino, uccidendo 18 persone e ferendone 43”, ha affermato al telefono il colonnello Farouk Achour. Le cause sono ancora da accertare ma potrebbe essere stato causato dai tentativi degli stessi migranti di riscaldarsi di fronte all’ondata di freddo che ha colpito la regione. Sull’incidente e’ stata aperta un’inchiesta.

Il sito di Ouargla, 800 chilometri a sudest di Algeri, ospita circa 600 migranti all’interno di un hangar messo a disposizione dalle autorità locali. La polizia algerina ha aperto un’inchiesta sulle cause dell’incendio, che ha sorpreso gli ospiti del centro mentre dormivano. Molto probabilmente il rogo è stato causato dallo scoppio di sette bombole di gas. Inoltre le forze dell’ordine al momento non hanno rilasciato nessun dettaglio sulla nazionalità delle vittime.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS