LIBIA, KOBLER: “L’ACCORDO VA FIRMATO A GIORNI, I DUE GOVERNI VOTINO SI'” L'inviato Onu: "L'Italia avrà un ruolo importante ma la stabilizzazione del Paese va lasciata ai libici". Esaltato interrompe i lavori del Parlamento di Tobruk

255
kobler

L’accordo tra le parti libiche deve essere firmato “nei prossimi giorni, non settimane”. Lo ha affermato l’inviato speciale dell’Onu sulla Libia, Martin Kobler, in un forum all’Ansa. “Ogni giorno che passa è un giorno perso”, ha aggiunto: “Sono stato in questi giorni a Tripoli e Tobruk, votino sì ad un accordo, che non sarà modificato”. L’Italia in tutto questo ha e dovrà avere un “ruolo importante” nel processo di pace in perché è un Paese vicino e per la sua storia. Ma la stabilizzazione della Libia “deve essere lasciata ai libici”.

A quel punto è intervenuto un gruppo di saggi per calmarlo e convincerlo ad uscire dall’assemblea. Poi il presidente del Parlamento ha deciso di sospendere la riunione ed è uscito dall’Aula”. El Mesmari ha criticato il comportamento di Saleh, ricevendo “l’appoggio della maggioranza dei deputati che volevano giungere ad una soluzione definitiva, accettando o rifiutando il futuro governo di intesa, grazie ad un metodo democratico e con un voto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS