LA GORGONE DI GELA APPRODA AL BRITISH MUSEUM DI LONDRA Il reperto del V secolo a.C. raffigura una delle tre mostruose sorelle della mitologia greca

553
british museum

Per cacciare gli spiriti maligni gli antichi greci montavano negli edifici teste in terracotta raffiguranti le Gorgoni, tre sorelle che la mitologia greca rappresentava con zanne al posto dei denti, serpenti al posto dei capelli, artigli al posto delle mani e ali d’oro. Una di queste antefisse del quinto secolo avanti Cristo, scoperta negli anni 50 a Gela, e’ stata recuperata dai magazzini e restaurata grazie a un finanziamento privato del locale Kiwanis club, che l’ha salvata da sicuro disfacimento. L’immagine della Gorgone è riprodotta su un Kalipter Hegemon, un coppo coprigiunto angolare per il convogliamento delle acque piovane, che si ritiene facesse parte del tetto di un grande edificio pubblico arcaico, forse un tempio.

L’interessante reperto, così restaurato (insieme con altri due più noti ritrovamenti gelesi, la “Testa di cavallo” e l'”Arula fittile”) sarà esposto a Londra, da aprile a giugno del 2016, su richiesta del British Museum, nell’ambito della mostra “Culture and conquest”. “Un grande reperto per un grande museo” ha detto il presidente del Kiwanis di Gela, Emanuele Salafia, al direttore del parco archeologico gelese, Ennio Turco, soddisfatto della “collaborazione pubblico-privato per la tutela del patrimonio storico e culturale della cità”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS