STRAGE DEL BATACLAN, E’ ARRIVATA IN ITALIA LA SALMA DI VALERIA SOLESIN Le esequie, che si svolgeranno a piazza San Marco, saranno aperti a "uomini e donne di qualunque culto"

444

E’ atterrata all’aeroporto Marco Polo di Venezia la salma di Valeria Solesin accompagnata dai genitori, dal fidanzato e dalla sorella di questi. A riceverla il fratello Dario, il ministro dell’università Stefania Giannini, il presidente della Regione Luca Zaia, il sindaco Luigi Brugnaro, il prefetto Domenico Cuttaia.

Il corpo di Valeria, uccisa barbaramente mentre cercava di fuggire dal Bataclan di Parigi, sarà sottoposto nelle prossime ore ad un esame esterno da parte della Procura di Venezia, all’obitorio dell’ospedale all’Angelo di Mestre. Domani l’apertura della camera ardente in municipio a Venezia. Martedì i funerali di stato, alla presenza, fra gli altri, del Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Nel pomeriggio, in questura, un tavolo tecnico per organizzare la sicurezza.

I funerali di Valeria si svolgeranno martedì 24 novembre in Piazza San Marco, a Venezia. La sua famiglia ha fatto sapere che le esequie saranno officiate con rito civile e saranno aperte a “uomini e donne di ogni culto”. Un gesto di apertura nel dolore proprio mentre si acuisce nuovamente la paura dell’altro, specie se appartenete a una diversa religione.

Alla Solesin sono, fra la’ltro, stati dedicati alcune lettere scritte dai bambini della scuola italiana di Tunisi G.B. Hodierna raccolte dalla giornalista veneziana Nadia De Lazzari in questi giorni nella capitale tunisina per la sua iniziativa di pace “Disegni a più mani”, che si incaricherà di consegnare direttamente ai genitori della giovane di Venezia Valeria Solesin, vittima degli attacchi a Parigi mentre si trovava al teatro Bataclan per ascoltare un concerto rock.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS