IL PROGETTO ITALIANO PASTO BUONO ENTRERA’ NEL PROGRAMMA “SAVE FOOD” DELLA FAO E' stato realizzato da Qui Foundation, onlus di Qui! Group attiva nei settori di assistenza sociale, socio-sanitaria e beneficenza

305
pasto buono

Pasto Buono, un progetto tutto italiano contro gli sprechi alimentari, entrerà a far parte del programma mondiale della Fao “Save Food”. E’ stato realizzato da Qui Foundation, onlus di Qui! Group attiva nei settori di assistenza sociale, socio-sanitaria e beneficenza. La Qui Foundation collaborerà con l’organizzazione umanitaria per coordinare attività contro gli sprechi alimentari e per il recupero del cibo invenduto dagli esercizi food (bar, ristoranti, tavole calde, pizzerie). Non solo in Italia, ma anche a livello europeo.

La fondazione è stata riconosciuta dalla Fao come idonea a rappresentare l’organizzazione mondiale nella promozione di azioni di solidarietà e di dialogo con le comunità locali, con lo scopo di offrire assistenza alle persone in difficoltà attraverso il progetto Pasto Buono, che dal 2007 si occupa del recupero delle eccedenze alimentari per ridistribuirle a famiglie bisognose e mense caritative. Con “Save Food” la Fao vuole incoraggiare il dialogo tra aziende, industria alimentare, ricerca, politica e società civile, sensibilizzando sui costi sociali generati dallo spreco del cibo, con lo scopo di riuscire a fornire un aiuto concreto alle persone che soffrono la fame.

”Pasto Buono – spiega Gregorio Fogliani, presidente Qui Foundation – è attivo nelle principali città italiane come Genova, Milano, Firenze, Roma, Civitavecchia, Napoli, Cagliari. Collabora con grandi realtà, come il Gruppo Cremonini e Tirrenia, ma anche con esercizi food presenti in tutta Italia”. “Con Pasto Buono abbiamo dato finalmente una risposta concreta al problema degli sprechi alimentari nel settore della ristorazione. E oggi la Fao colloca il progetto tra le best practice mondiali, capaci di dare un contributo significativo contro la fame a livello nazionale e internazionale”, aggiunge. Pasto Buono è il principale progetto della onlus nata a Genova nel 2007. L’iniziativa ha permesso di recuperare, solo nel 2014, quasi 300mila pasti, che si sono aggiunti ai 500mila donati negli anni precedenti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS