NESSUNA SOSPENSIONE PER IL CAMPIONATO FRANCESE DI CALCIO Le partite di Ligue 1 e Ligue 2 si svolgeranno regolarmente. Il ministro dello Sport: "La vita riprende nel nostro Paese"

384
calcio ligue 1

Quelle delle amichevoli tra Belgio e Spagna e tra Germania e Olanda, annullate per evitare inutili rischi dopo l’attacco di Parigi, e resteranno delle eccezioni. Lo sport non può fermarsi, nemmeno davanti al terrorismo. Sarebbe una sconfitta troppo grande per la nostra società. Nessuna sospensione dunque per la prossima giornata di Ligue 1 e Ligue 2 (rispettivamente Serie A e B del campionato francese di calcio). “La vita segue il suo corso, bisogna entrare nell’ordine delle idee che la vita continua -ha detto Thierry Braillard, segretario di stato per lo sport, a “Le Parisien” – Credo che ci dobbiamo tranquillizzare oggi”

La conferma è arrivata anche dal ministro dello sport francese Patrick Kanner, che ieri ha incontrato le squadre di sicurezza e di soccorso dello ‘Stade de France’. “Sì, abbiamo deciso – ha spiegato – Frederic Thiriez (il presidente della Lega, ndr) mi aveva chiamato a tal proposito. Salvo eccezioni legate a informazioni da parte del ministero dell’interno, le partite verranno disputate come previsto. La vita riprende nel nostro paese, anche sul piano sportivo”.

“Abbiamo già dimostrato – ha aggiunto Kanner – che siamo in grado di garantire la sicurezza nei nostri stadi, ma dopo quanto è avvenuto prenderemo i provvedimenti necessari per aumentare ulteriormente le misure di sicurezza. Venerdì sera c’erano 80mila persone allo stadio e bisogna fare i complimenti a chi ha lavorato per far sì che il panico non prendesse il sopravvento e far tornare a casa gli 80mila spettatori. C’è stata grande professionalità e si è evitato un possibile massacro”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS