VIETNAM, LA BATTAGLIA LEGALE DELLE SUORE SFRATTATE Le autorità comuniste hanno espropriato tre scuole per istallare uffici governativi e un comando di polizia

317

Un nuovo fronte di scontro si aperto in Vietnam tra le autorità comuniste locali e le istituzioni religiose. La controversia nasce dall’esistenza di alcuni edifici – di proprietà cattolica – che l’amministrazione ha deciso di espropriare, pur non vantando alcun diritto. Gli edifici contesi sono tre scuole, guidate fin dagli anni ’60 dalle suore della congregazione Amanti della Santa Croce di Thu Thiem, nel distretto di Ho Chi Minh City.

“Il nocciolo del problema – spiega padre Vincent Pham Trung Thanh, ex superiore provinciale dei Redentoristi – è che le autorità della città, e in particolare, del distretto 2 devono avere onestà e trasparenza nel deliberare sulle nuove aree urbane”. Le scuole sono state chiuse nel 2011 e in una di queste le autorità locali hanno istallato degli uffici governativi e un comando di polizia. A ottobre di questo i vertici distrettuali comunisti hanno avviato le pratiche del passaggio di proprietà, che nasconde però quello che di fatto è un esproprio.

La superiora della Congregazione ha spiegato ad Asianews che il governo ha interrotto le operazioni di demolizione degli edifici e quindi le suore hanno deciso di passare al “contrattacco” e intraprendere un’azione legale a difesa della proprietà. Al momento la situazione si è “stabilizzata”, ma questo è il primo passo di quella che si preannuncia una vicenda complessa.

Come denunciato a più riprese non solo dalla Chiesa cattolica vietnamita, ma anche da autorevoli istituti economici internazionali, l’annosa questione delle proprietà terriere in Vietnam non è solo un problema giuridico e costituzionale, ma rappresenta un freno allo sviluppo economico del Paese. In soli tre anni si sono contate circa 700mila dispute sui terreni, molte delle quali hanno riguardato i compensi a titolo risarcitorio. Dati della Banca mondiale riportano che dal 2001 al 2010 circa un milione di ettari di terreni agricoli è stato riconvertito per scopi diversi, soprattutto turistici. L’anno scorso, le autorità vietnamite hanno sgomberato con la forza un quartiere cattolico a Cồn Dầu, compreso il cimitero.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS