LA FRANCIA CHIEDE AIUTO ALL’UE, LA MOGHERINI: “L’EUROPA UNITA RISPONDE SI'” Il premier Valls ha dichiarato che PArigi non riuscirà a rispettare gli accordi sul deficit in quanto il governo ha dovuto assumere migliaia di gendarmi e poliziotti in seguito agli attentati del 13 novembre

415
francia

Mentre Parigi ancora scossa dagli attentati di venerdì scorso, ritorna lentamente alla normalità, il presidente francese Francois Hollande – parlando al parlamento – ha dichiarato che la Francia è in guerra. Proprio per questo ha chiesto aiuto all’Unione Europea, appellandosi all’articolo 42.7 del Trattato di Lisbona, che impegna gli altri Stati membri a prestargli aiuto e assistenza con tutti i mezzi in loro possesso, ma che non obbliga nessun Paese dell’Unione Europea a scendere in guerra. “La Francia ha chiesto aiuto e L’Europa unita risponde sì”, ha dichiarato l’alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini, assieme al ministro francese della Difesa Jean Yves Le Drian, annunciando il sostegno “unanime” del Consiglio di difesa.

Ma Parigi ha chiesto e ottenuto aiuto anche dal punto di vista economico. “Dobbiamo dare tutti gli strumenti a polizia e gendarmeria – ha dichiarato il primo ministro Manuel Valls – in uomini e in investimenti. Questo non lo faremo a detrimento del bilancio di altri settori. L’europa deve capire. E aiutarci”. “Abbiamo necessità di rafforzare la sicurezza a causa degli attentati del 13 novembre – ha aggiunto Valls -. La Commissione Europea deve capire che la lotta all’Isis riguarda la Francia ma anche l’Europa. Gli impegni sul deficit di bilancio presi con l’Ue non saranno rispettati perchè il governo ha dovuto modificare i piani di bilancio per assumere migliaia di poliziotti e gendarmi”.

L’impegno e la cooperazione “si aggiusteranno in base agli impegni presi nell’ambito della Nato”, ha detto ancora la Mogherini, spiegando che l’assistenza a Parigi sarà “bilaterale” e per Bruxelles si tratterà di impegnarsi in un ruolo di “coordinamento”, cosa che non implica l’avvio di una missione a guida europea.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS