ATTACCHI CONTRO LA CHIESA COPTA AL CAIRO, IL GRANDE IMAM DI AL-AZHAR: “VANNO CONTRO L’AUTENTICO ISLAM” Il maggiore esponente del centro teologico-accademico dell'islam sunnita ha sottolineato che questi episodi di violenza non minano la volontà di cristiani e musulmani a rimanere uniti e a lottare contro il terrorismo

375
imam

In Egitto il Grande Imam di al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, ha condannato duramente l’attacco terroristico di giovedì scorso contro una chiesa del Cairo appartenente alla comunità copta evangelica. Gli attacchi contro i luoghi di culto, ha spiegato l’imam, “vanno contro l’autentica religione islamica e i suoi insegnamenti di tolleranza”, ma non riusciranno a minare l’unità del popolo egiziano. Al-Tayyeb, considerato un autorevole esponente del maggiore centro teologico-accademico dell’islam sunnita, ha sottolineato che attentati ai luoghi di culto dei fedeli di altre religioni – invece di creare intimidazione e aumentare il settarismo come tentano di fare – hanno l’effetto di rafforzare “la determinazione di cristiani e musulmani a rimanere uniti e a sostenere insieme la lotta al terrorismo combattuta dalle autorità egiziane”.

Un agente di polizia egiziano era rimasto ferito giovedì scorso ad Haram, nel distretto di Giza, a causa dell’attacco alla chiesa copta compiuto da alcune persone non identificate. Da quanto si è appreso dalle agenzie, tre motociclisti avrebbero aperto il fuoco contro gli agenti di guardia che proteggevano l’edificio di culto; l’agente ferito ha riportato contusioni e abrasioni. Subito dopo l’attacco, le forze di sicurezza avevano risposto al fuoco ma i tre assalitori erano comunque riusciti a fuggire. Attacchi e scontri sono diventati frequenti in Egitto dopo la deposizione del presidente Mohamed Morsi e della Fratellanza musulmana avvenuta nel luglio 2013. Centinaia di uomini delle forze di polizia sono rimasti uccisi in un serie di attentati effettuati per lo più da membri dello Stato del Sinai, organizzazione affiliata all’Isis. Anche in questo caso, si profila l’ipotesi di un attacco compiuto da fondamentalisti islamici.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS