FURIA FRANCESE CONTRO L’ISIS: TEMPESTA DI FUOCO SU RAQQA Parigi risponde con i raid dopo gli attacchi di venerdì notte. La portaerei De Gaulle pronta a raggiungere il Golfo

313
  • Español
raqqa raid

La risposta francese ai drammatici attentati di Parigi non si è fatta attendere. Nella sera di domenica l’aviazione di Parigi ha lanciato un vasto bombardamento delle postazioni dell’Isis a Raqqa, considerata la capitale dello Stato Islamico in Siria. Un attacco massiccio contro obiettivi strategici: il centro comando utilizzato per la preparazione di jihadisti e come deposito di munizioni e un campo di addestramento per terroristi. Entrambi sarebbero stati distrutti dai dodici aerei coinvolti nell’operazione che hanno sganciato su Raqqa 20 bombe. I jet sono partiti simultaneamente da Emirati Arabi Uniti e dalla Giordania.

L’operazione segna l’inizio di una svolta nell’impegno francese contro lo Stato Islamico dopo gli attentati di Parigi. Il ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Drian ha parlato ieri per due volte al telefono con il collega americano Ashton Carter con l’obiettivo di rafforzare il coordinamento, che comprende in particolare una maggior scambio d’informazioni. In settimana partirà dalla base navale di Tolosa l’ammiraglia della marina francese, la portaerei Charles de Gaulle, per una missione di quattro mesi. La nave, con a bordo 24 aerei, si dirigerà verso il Mediterraneo e poi il Golfo persico. La capacità aerea francese verrà così triplicata rispetto ai 12 aerei Rafale e Mirage che oggi stazionano in Giordania e negli Emirati.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS