UNDICENNE S’INVENTA UN SEQUESTRO PER SALTARE L’INTERROGAZIONE

388
interrogazione

La paura di prendere un brutto voto ha spinto una 11enne di Beinasco (To) a raccontare che un maniaco aveva cercato di rapirla davanti alla scuola. Fortunatamente si trattava di una bugia detta per saltare la temuta interrogazione ma la notizia, diffusasi velocemente, ha scatenato il panico nella cittadina piemontese. In un primo momento, infatti, nessuno aveva dubitato del suo racconto anche perché la teen ager aveva riportato particolari credibili spiegando che un uomo aveva cercato di farla salire su una macchina scura all’uscita da scuola e che era riuscita a scappare divincolandosi abbandonando lo zainetto per strada.

La ragazzina pensava ingenuamente che, grazie alla storiella, avrebbe solo salato qualche giorno di scuola senza ulteriori ripercussioni. Invece il suo racconto ha spaventato i genitori innescando un allarme sociale amplificato dalle voci che si rincorrevano sul web.

A smascherare la piccola sono stati i carabinieri a cui i genitori si erano rivolti. I militari dell’Arma, avviate subito le indagini acquisendo le registrazioni delle telecamere della zona, non hanno infatti trovato alcun riscontro al racconto. La ragazzina ha dovuto ammettere di essersi inventata tutto per paura dell’interrogazione. La bugia, però, ha fatto in tempo a scatenare il panico: in molti hanno chiamato il 112 e, nonostante le rassicurazioni, alcune mamme non hanno mandato i propri figli a scuola. La fantasiosa quanto sciocca protagonista sarà ora segnalata alla procura dei minori. Probabilmente alla prossima interrogazione andrà volontaria.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS