G20 IN TURCHIA, IL TEMA DEL TERRORISMO IN CIMA ALL’AGENDA Obama ha già avuto un breve incontro bilaterale col presidente turco Erdogan

385

Ci saranno il terrorismo e gli attentati di Parigi in cima all’agenda del G20 che si apre oggi ad Antalya, in Turchia, e proseguirà fino a domani sera. Non poteva essere diversamente, considerata non solo l’importanza dell’evento, ma anche il Paese che lo ospita: la Turchia è ormai vista come un fondamentale interlocutore per la lotta al terrorismo. Ufficialmente, però, la scaletta non è stata modificata. La prima sessione dei lavori dovrebbe quindi essere dedicata a sviluppo e cambiamento climatico. Unico assente dei 20 grandi del pianeta, il presidente francese Francois Hollande, rimasto in patria per seguire le vicende del post attacco alla capitale da parte di alcuni militanti dell’Isis costato la via a 129 persone.

Sono arrivati all’alba ad Antalya il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon e il presidente Usa Barack Obama. Il premier italiano Matteo Renzi è atterrato alle 10.30. Obama ha avuto già un breve incontro bilaterale col presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan. È previsto per domani pomeriggio il momento clou del vertice che vedrà seduti intorno a un tavolo il presidente Usa, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier britannico David Cameron, il ministro degli esteri francese Laurent Fabius (in rappresentanza del presidente Hollande) e il presidente del Consiglio Renzi, per discutere la questione della Siria, del terrorismo e degli esodi migratori. Il presidente russo Vladimir Putin, principale attore della lotta all’Isis in Siria al fianco di Assad, si incontrerà a sua volta con Renzi, la Merkel, David Cameron, il presidente cinese Xi Jinping e con il re saudita Salman.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY