QUANDO L’AUTO DIVENTA ARTE, IN MOSTRA A TORINO LE VETTURE FUORI DAI CANONI Fino al 20 gennaio al Museo Nazionale dell'automobile sarà possibile ammirare 9 modelli straordinari

277
auto arte

Nove modelli di vetture straordinarie sono esposte al Museo nazionale dell’automobile di Torino. “Auto in Arte”, in programma fino al 20 gennaio, racconta il mezzo di trasporto più diffuso al mondo come opera d’arte che nasce dalle linee negli sketchbook dei creativi fino alla modellazione artigianale dei materiali più svariati. Modelli unici, queste vetture rappresentano il collegamento ideale tra il percorso museale del Mauto, la cui ultima parte è dedicata alla creatività applicata al car design, e lo spazio mostre, dedicato alla creatività in senso assoluto.

Nove vetture, nove opere d’arte. La Bugatti PM1, supercar monoposto in legno, e la Halley Maggiora, sperimentale rilettura per una berlinetta su base Fiat1 del 1985, realizzate entrambe dal designer Paolo Martin; il modello in legno, in scala naturale, riproducente la Voiture Maximum che Le Corbusier ha disegnato nel 1928 e realizzato dalla Italdesign nel 1986; la concept car Brera e il modello di ricerca gt, entrambe nate dall’estro creativo di Giorgetto Giugiaro; la cinematografica auto del film “Nirvana” di Gabriele Salvatores, ideata a partire dallo chassis del maggiolino della Volkswagen riletto in chiave cyberpunk; l’avveniristico prototipo SC3-EV Concept, realizzato nel 2015 da Jac Italy; il maestoso modello di stile Falcon realizzato dalla Carrozzeria Stola e l’attualissima Yaris Toyota che il maestro Ugo Nespolo ha trasformato nella tela dove sviluppare la sua creatività.

Le vetture di “Auto in Arte” integrano e completano le esposizioni dedicate all’Arte contemporanea che il Mauto ospita nei mesi autunnali poiché, a loro volta, sono delle vere e proprie opere d’Arte, eclettico risultato dell’ispirazione creativa del designer unita alla lavorazione artigianale dei materiali. L’esposizione si inserisce tematicamente nel calendario degli eventi in città dei prossimi mesi, focalizzati sull’Arte contemporanea e il design.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS