LA CONDANNA DEGLI IMAM: QUESTO NON E’ ISLAM Gli arabi: "E' una bestemmia usare il nome di Dio invano per uccidere"

496

“Una condanna senza se e senza ma a questi atti terroristici che, in prima, colpisco l’Islam. E’ una bestemmia usare il nome di Dio invano per uccidere un’altra vita umana. Proprio il Corano dice che chi uccide una persona e’ come abbia ucciso tutta l’umanita’”. Lo ha detto il presidente dell’Ucoii, l’Unione delle comunita’ islamiche italiane e imam di Firenze, Izzedin Elzir.

“Il mio invito ai miei concittadini non musulmani e’ veramente di non cadere nella trappola di questi estremisti che vogliono che noi viviamo nella paura, costruire muri e barriere, invece noi dobbiamo costruire ponti di dialogo e di confronto piu’ che mai in questi momenti difficili”, ha aggiunto il presidente dell’Ucoii. Izzedin Elzir ha poi riferito di aver invitato la comunita’ islamica italiana a partecipare ai diversi sit-in che si fanno davanti al consolato francese nelle diverse citta’ italiane. E stamani diversi erano i musulmani che hanno partecipato al presidio a Firenze in piazza Ognissanti. “Il mio primo pensiero – aveva esordito Izzedin Elzir – e’ un abbraccio e una solidarieta’ a tutto il popolo francese, ma direi a tutta l’umanita’ perche’ questi criminali hanno colpito la Francia ma con quel paese hanno colpito tutta l’umanita’”.

L’Imam di Al Azhar, la più prestigiosa istituzione dell’Islam sunnita, Ahmed al Tayeb, ha espresso la sua “indignazione” e ha “condannato con forza” gli attacchi terroristici che ieri hanno causato almeno 128 vittime a Parigi. Durante una conferenza islamica internazionale che si sta svolgendo a Luxor, Al Tayeb ha definito gli attacchi “caotici e assurdi, perpetrati in nome della religione”, aggiungendo che “l’Islam è innocente”. Inoltre l’Imam ha chiesto una cooperazione internazionale efficace per respingere “questo mostro rabbioso del terrorismo”. L’Imam ha poi ricordato che il popolo egiziano “ha pagato il prezzo del confronto con il terrorismo”.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY