IL “BOSCO VERTICALE” DI MILANO E’ IL MIGLIOR GRATTACIELO DEL MONDO Premiato a Chicago dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat

309

Il “Bosco Verticale” si è aggiudicato il premio come Migliore Architettura del mondo 2015 assegnato dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat e promosso dal Illinois Institute of Technology di Chicago. Il grattacielo verde, disegnato e progettato dal Boeri Studio di cui fanno parte Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra, e situato nel quartiere Porta Nuova di Milano, ha battuto concorrenti come il One World Trade Center di New York. Il Council on Tall Buildings ogni anno elegge il grattacielo più bello di ogni continente e, successivamente, sceglie tra tutti i vincitori quello più innovativo del pianeta.

Il palazzo aveva già vinto il premio per l’Europa, annunciato nei mesi scorsi. “Il Bosco Verticale – si legge nella lettera con la quale è stato assegnato il premio – è un esempio unico nell’utilizzo del verde in altezza e in proporzione. La facciata vivente dell’edificio, che incorpora numerosi alberi e oltre 90 specie di piante, svolge il ruolo di interfaccia attiva per l’ambiente circostante. Ciò che rende l’idea eccezionale è l’azione delle piante, che agiscono come estensione della copertura esterna dell’edificio. La giuria ha definito innovativa l’esplorazione della vitalità del verde su tali altezze”.

“Dopo il premio mondiale di Francoforte del 2014, il premio planetario del CTBUH di Chicago è la conferma che il “Bosco” di Milano – dichiara l’architetto Stefano Boeri – è diventato una icona dell’architettura internazionale contemporanea. Sono felice per Milano, che in questo edificio ha oggi un simbolo del suo rilancio e per la cultura e l’architettura italiana, che confermano un momento di grande innovazione”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS