FOTO OSE’ E RICHIESTE SESSUALI A UNA 14ENNE, ARRESTATO AGENTE DEL SECRET SERVICE USA Lo scambio di messaggi è iniziato ad agosto tra l'agente e una detective del Delaware, fattasi passare per una quattordicenne

320
secret service

Ancora guai per gli il Secret Service, l’agenzia che ha la responsabilità di proteggere il presidente degli Stati Uniti. Un agente in servizio alla Casa Bianca è stato arrestato per aver inviato foto di se stesso nudo e messaggi di natura apertamente sessuale ad una agente della polizia sotto copertura che si era spacciata per una ragazzina di soli 14 anni. L’agente Lee Robert Moore, 37 anni di of Church Hill in Maryland si è consegnato alla polizia.

Lo scambio di messaggi è iniziato ad agosto tra l’agente e una detective del Delaware, fattasi passare per una quattordicenne. Moore, attratto dalla giovane età della sua presunta interlocutrice, è caduto nella trappola. Ha inviato attraverso il telefonino di servizio foto senza veli di se stesso e ripetute richieste di incontro per fare sesso con quella che credeva fosse una minorenne. Il tutto, come ha confessato lo stesso Moore, proprio mentre era in servizio alla Casa Bianca. Il Secret Service ha sospeso dal servizio l’agente.

Per l’agenzia – che in teoria deve proteggere il presidente degli Stati Uniti – si tratta solo dell’ultimo scandalo in ordine di tempo. Nel 2012 una dozzina di loro vennero beccati ad organizzare un party a base di droga e prostitute a Cartagena in Colombia mentre scortavano Obama. Lo scorso anno diverse persone riuscirono a scavalcare la cancellata della Casa Bianca. In un caso, a settembre, un uomo armato di coltello riuscì ad attraversare tutto il prato, arrivando all’ingresso e riuscendo ad entrare nell’edificio. Venne fermato per un puro caso da una guardia nella East Room, dove di solito Obama tiene cerimonie pubbliche. Il mese successivo venne licenziata la prima direttrice donna dell’agenzia, Julia Pierson, e sostituita con un uomo, Joseph Clancy.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS