OHIO, POSTAVA SUI SOCIAL MINACCE CONTRO I MILITARI USA: FBI ARRESTA SEGUACE DELL’ISIS Il 25enne dovrà rispondere di incitamento all'odio e alla violenza

417
isis

L’Fbi ha arrestato un cittadino americano sospettato di essere un seguace dell’Isis e accusato di aver lanciato un appello sui social media per l’uccisione di militari Usa. Militari di cui l’uomo aveva postato nomi, indirizzi e fotografie. L’arrestato si chiama Terrence McNeil, ha 25 anni ed è originario di Akron, in Ohio.

Inquietanti i messaggi postati dal giovane sui social media: “Uccideteli nella loro patria, decapitateli nelle loro case, accoltellateli a morte mentre camminano nelle loro strade pensando di essere al sicuro”, scriveva il venticinquenne arrestato. I post – riferisce il Dipartimento alla giustizia – erano quindi accompagnati dall’immagine di una pistola e di un coltello con un’altra delirante istigazione: “Vi abbiamo reso più facile il compito dandovi gli indirizzi. L’unica cosa che dovete fare è l’ultimo passo. Che aspettate? Uccideteli ovunque li trovate”. Ora McNeil dovrà comparire davanti ai giudici e rispondere di incitamento all’odio e alla violenza.

Nel mese di settembre gli uomini del cybercaliffato avevano diffuso una kill list – la seconda dopo quella di marzo 2015 – in occasione dell’anniversario della distruzione delle Torri Gemelle. “Felice 11 settembre – recitava il messaggio che accompagnava l’elenco – 100 vostri militari si sono svegliati oggi trovandosi sulla seconda kill list dello Stato Islamico”. L’elenco riportava i nomi dei militari e i loro indirizzi. Lo scopo di questa azione era fornire ai lupi solitari nominativi di soldati, marinai e piloti dell’aviazione americana, in modo che potessero facilmente rintracciarli e ucciderli.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS