APPLE PRONTA A LANCIARE UN SISTEMA DI PAGAMENTO TRA PERSONE Secondo il Wall Street Journal colosso di Cupertino potrebbe sfidare Venmo di PayPal

453

La Apple è pronta a sfidare Venmo di PaylPal nel sistema dei trasferimenti diretti di denaro da persona a persona. Lo scrive il Wall Street Journal che cita indiscrezioni di fonti vicine al gruppo di Cupertino. Il servizio permetterà agli utenti di iPhone di inviare pagamenti personali che non prevedono il passaggio attraverso un esercizio commerciale, una pratica sempre più diffusa negli Stati Uniti.

Cupertino di fatto punta a permettere attraverso Apple Pay di condividere le spese di un affitto, inviare dei soldi ai un parente, di rimborsare un amico per un anticipo durante di denaro durante un viaggio.
Il servizio dovrebbe essere molto simile a Venmo (anche se non ci sono dettagli così specifici) che è gratuito se i passaggi avvengono su un conto bancario e prevede un pagamento del 3% di commissione se invece è legato a una carta di credito. Quale sarebbe l’obiettivo finale di Apple? Secondo diversi analisti il fine sarebbe quello di eliminare il portafogli (sogno già presente in parte nel progetto Apple Pay) e di spingere le persone a scambiarsi denaro sempre e comunque attraverso iPhone.

Secondo il Wall Street Journal Cupertino avrebbe già discusso della possibilità con grandi banche americane tra cui J.P. Morgan Chase, Capital One e Wells Fargo, dando loro la possibilità di sperimentare una frontiera molto interessante. Ma non è solo Venmo di PayPal a offrire la possibilità di fare pagamenti diretti tra persone: il servizio infatti è fornito anche da Google, dalla startup di pagamenti Square e infine da Facebook che di recente ha aperto questa nuova frontiera attraverso Messenger. Venmo tuttavia è quello che sta avendo la crescita maggiore: rappresenta il 19% di tutti gli spostamenti di denaro tra una persona all’altra negli Stati Uniti. Solo nel terzo trimestre ha avuto un traffico di 2,1 miliardi di dollari contro i 700 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS