ARGENTINA-BRASILE, E’ LA NOTTE DEL “SUPERCLASICO” Reduci da due partite sfavorevoli, l'Albiceleste e la Seleçao si giocano la qualificazione ai Mondiali 2018

447

Dopo dieci anni dall’ultimo match, il Monumental di Buenos Aires ospita il “superclasico”: Argentina-Brasile. 101 sfide in 101 anni. Una sfida che vale la terza giornata delle qualificazioni ai Mondiali del 2018. Nel girone unico, l’Argentina ha ottenuto solo un pareggi nelle prime due partite. Il Brasile ha fatto qualcosa in più: una sconfitta e una vittoria. In palio questa sera non ci sono soltanto i tre punti.

L’Albiceleste schiera il modulo 4-2-3-1. Martino fa scendere in campo Romero, Zabaleta, Otamendi, Garay e Rojo a difesa della porta. A centro campo Lucas Biglia e Mascherano dietro, e Di Maria, Pastore e Dybala in avanti. Higuain unica punta. In panchina, indisponibili Augero, Tevez e Messi. Se l’Argentina ha gravi assenze, la Selçao non è più fortunata. Nel 4-3-3  di Dunga è fuori Thiago Silva, senza il quale la difesa, come abbiamo visto ai mondiali, perde moltissimo in velocità e qualità. In porta ci sarà Jefferson; in difesa Dani Alves, l’interista Miranda, David Luiz e Filipe Luis; a centrocampo Gustavo, Elias e Douglas Costa; in attacco Oscar, Neymar e Willian.

La grande sfida di questa sera è in particolare tra Higuain e Neymar, entrambi all’apice della carriera. Per il giocatore del Napoli si contano ben 9 gol nelle prime 12 giornate di campionato, mentre l’attaccante del Barça ha realizzato 13 reti in questa stagione. Lo spettacolo è assicurato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS