IL MESSAGGIO ALLA CHIESA DELL’INDIA: “LA COMUNIONE CI PORTA ALLA SOLIDARIETÀ” Il Papa ha inviato un video in occasione del Congresso eucaristico nazionale che si è aperto oggi a Mumbai

328
  • English

“L’Eucaristia non è un premio per i buoni, ma è la forza per i deboli, per i peccatori. È il perdono, è il viatico che ci aiuta ad andare, a camminare”. Lo ha detto Papa Francesco in un videomessaggio inviato al Congresso eucaristico nazionale – dal tema “Nutriti da Cristo per nutrire gli altri” – che si è aperto oggi a Mumbai, in India. All’evento, che vede la presenza di oltre 700 delegati provenienti da tutto il Paese, partecipa il cardinale Malcom Ranjith, inviato speciale del Pontefice. Il vescovo di Roma ha evidenziato che il Congresso eucaristico è “un dono di Dio” per i cristiani dell’India e per tutta “la popolazione di un Paese cosi ricco di diversità culturali e di spiritualità”. “La comunione con il Signore”, ha aggiunto, “ci conduce alla solidarietà con gli altri”. Il successore di Pietro, inoltre, ha fatto presente che “gli esseri umani di tutto il mondo hanno bisogno di nutrimento”, non solo “quello che serve a soddisfare la fame fisica”.

Proprio per tale motivo quanti sono sfamati e nutriti dal Corpo e dal Sangue di Cristo non possono restare indifferenti verso i fratelli e le sorelle che soffrono la fame “d’amore, d’immortalità, di affetto, attenzioni, perdono, misericordia. Questi tipi di fame possono essere soddisfatti solo con il Pane che viene dall’alto”. Secondo Francesco è fondamentale “portare la gioia del Vangelo a coloro che non lo hanno ancora ricevuto” e “speranza a coloro che vivono nelle tenebre e nella disperazione”. Ha concluso il messaggio con l’auspicio che il Congresso appena iniziato possa essere foriero di luce, gioia e felicità per la gente dell’India e al contempo “un’occasione” per “essere uniti nell’amore”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS