BAMBINI IN FUGA DALLA ROTTA DEI BALCANI: L’UE DONA 2 MILIONI DI EURO ALL’UNICEF Questi aiuti aiuteranno il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia e i suoi partner a rispondere alle necessità dei bambini rifugiati e migranti che stanno attraversando la zona balcanica

401
unicef

L’Unione europea e Unicef insieme per aiutare i bambini in fuga dai Balcani. Il Dipartimento per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile della Commissione Europea (Echo) ha donato 2 milioni di euro all’UNICEF per i minori in fuga nella Repubblica di Serbia e nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. E’ il primo contributo dell’Echo all’Unicef per rispondere ai bisogni dei rifugiati e dei migranti in fuga attraverso l’Europa.

Questi aiuti aiuteranno il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia e i suoi partner a rispondere alle necessità dei bambini rifugiati e migranti che stanno attraversando questi due Paesi. Il progetto garantirà 2 milioni di euro per: assistere 170.000 minori e madri in spazi a misura adeguati in cui le famiglie possono sostare, ricevere aiuti di prima accoglienza per l’inverno come coperte e vestiti e sostenere il sistema di protezione dei bambini.

Sarà anche garantito cibo adeguato per i bambini tra 0 e 24 mesi e saranno fornite alle madri informazioni sull’allattamento al seno e su una sana nutrizione. “I bambini sono stati coinvolti nel mezzo di questa crisi imprevedibile e senza precedenti. Si spostano per trovare una vita migliore in Europa. Adesso con l’inverno che incombe, i loro bisogni sono più grandi che mai. Non possiamo deluderli”, ha dichiarato Marie Pierre Poirirer, Coordinatore Speciale Unicef per la crisi Rifugiati e Migranti in Europa. “Questa generosa donazione da parte dell’ECHO ci consentirà, nel lungo periodo, di alleviare i loro precari viaggi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS