TUTTA LA VERITÀ SUL CELIBATO DEI PRETI

13123
  • English
  • Español

Il dibattito sul tema della sessualità nel clero è aperto da secoli. E’ tornato d’attualità dopo le parole di Papa Francesco, che rispondendo a una domanda posta in aereo durante uno dei suoi viaggi, ha detto: “Il celibato non è un dogma di fede, è una regola di vita, che io apprezzo tanto e credo sia un dono per la Chiesa. Non essendo un dogma di fede, c’è sempre una porta aperta”.

Questa “apertura” ha scatenato i commentatori di tutto il mondo, ed ha innescato anche un dibattito tra la gente. Eppure, già Benedetto XVI aveva dedicato un Sinodo a questo tema, aprendo, appunto, ad una riforma della disciplina del celibato. Scorrono sui media fiumi di parole su castità, astinenza e celibato, termini usati spesso in modo equivalente, come sinonimi. Tutto ciò crea un’enorme confusione, che sfocia poi nella domanda finale, sul perché i preti non possano sposarsi, visto che nei Sacri Testi non si fa accenno esplicito a questo particolare.

Vale la pena, allora, fare un piccolo viaggio nella storia, per capire come siano andate le cose, e perché.

Nella Chiesa antica, i ministri di Dio erano scelti sia tra le persone celibi che tra i coniugati. Volendo risalire alle origini, san Pietro era sposato, san Giovanni celibe, come san Paolo. Coniugati erano i padri della Chiesa, San Gregorio, vescovo di Nissa, e san Paolino, vescovo di Nola. Sant’Agostino aveva addirittura una moglie, considerata dalla legge del tempo concubina (perché di classe sociale inferiore). Dunque, il matrimonio non è stato sempre interdetto ai sacerdoti cattolici di rito romano. La regola del celibato è disciplinata nel canone 987, secondo paragrafo, del Codice di diritto canonico del 1917, dove si stabilisce che le persone sposate “sono impedite” alla sacra ordinazione. Ma, prima di arrivare a questo, ci sono stati tanti passaggi.

A partire dal IV secolo, alcuni concili si occuparono specificamente della questione del celibato e della castità. Il principio di base, tramandato dall’inizio nella disciplina attuale, era che un uomo sposato poteva dedicarsi al ministero, purché accettasse la legge della continenza, ossia, il non avere rapporti carnali con la propria moglie. Accadeva, però, che questa regola non fosse rispettata, e la cosa diventava evidente nei casi in cui la consorte dell’ordinato rimaneva incinta. Così, il Concilio di Elvira, nel IV secolo d. C. (305), stabilì che il vescovo o qualsiasi altro chierico potesse vivere insieme soltanto a una sorella o a una figlia vergine consacrata. E’ chiaro già da subito che per vivere con una figlia, il matrimonio era stato contratto prima dell’ordinazione, e questo non era stato di impedimento per l’ordinazione.

Nel Concilio di Nicea (325 d.C. il primo ecumenico) si ribadisce la cosa, con alcuni “aggiustamenti”, allargando la possibilità di accudire il sacerdote alla madre, a una zia o a una persona al di sopra di ogni sospetto, vista evidentemente l’impossibilità di gestire una casa e contemporaneamente la comunità ecclesiale.

Dunque, la Chiesa delle origini prevedeva che un uomo sposato potesse essere anche sacerdote, ma imponeva il vincolo dell’astinenza. Con i Concili Lateranense II (1139) e di Trento (1563) si dichiara l’impossibilità per un ordinato di contrarre matrimonio. Si lasciava spazio per un percorso dal matrimonio verso l’ordinazione sacerdotale (a certe condizioni) ma non per il percorso inverso, cioè, da sacerdote a marito.

Ecco quindi spiegato il concetto di “celibato”, che va di pari passo con quello di “continenza”, che prevede l’astensione dall’avere relazioni intime ed esclusive con chiunque, essendo il sacerdote dedicato alla comunità.

Anche nella Chiesa Cattolica, però, alcuni riti prevedono la figura del sacerdote sposato. Per esempio, le chiese di rito orientale: riconoscono l’autorità del Papa e al contempo ammettono il matrimonio per i sacerdoti. Anche la Chiesa anglicana ammette i sacerdoti sposati a pieno titolo nella Chiesa. Ed è così per i preti cattolici di rito bizantino o costantinopolitano, della Chiesa greco-cattolica, di rito macedone, di rito antiocheno, di rito caldeo e di rito armeno.

Altra cosa, invece, è il voto di castità, proprio della vita religiosa, che consiste nell’obbligo a non avere rapporti sessuali e a utilizzare le sacre energie al servizio di Dio e degli uomini. Normalmente, il voto di castità si professa insieme al voto di obbedienza e al voto di povertà. I sacerdoti non pronunciano voto di castità, ma si impegnano al celibato con l’ordinazione. Nella Chiesa cattolica, si definiscono istituti religiosi quelle società ecclesiastiche legittimamente erette o approvate dalla competente autorità (ordinario diocesano o Santa Sede) i cui membri (religiosi) professano voti pubblici e vivono in comunità (monaci, frati e suore). Insieme agli istituti secolari (cioè, di coloro che hanno fatto la medesima scelta, ma non vivono in comunità) fanno parte degli Istituti di vita consacrata.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

7 COMMENTS

  1. Un chiaro excursus che sarebbe bello se se lo cacciassero in testa i tanti scribacchini imbrattagiornali.
    Ritengo lecito,però, pensare che ciò che scrivono, almeno in buona parte, sia per malafede più che per incompetenza

  2. Buon articolo, aggiungerei che nelle Chiese orientali mi sembra proprio che i vescovi non possono essere sposati, ossia l’ordinazione episcopale anche in questo caso è incompatibile con il matrimonio.

  3. Il valore del celibato ha anche un valore escatologico che è di “natura” migliore cfr. I Cor. 7, 32. 38. Se per le vedove vale la continenza perfetta in vista del Regno cfr. I Tm. 5, 11 – 12., come può non valere per un ministro ordinato? 1) Gesù ha la precedenza cfr. Mc. 8, 34. 2) non tutti lo sanno cfr. Mc. 12, 24 – 25. 3) non tutti lo capiscono cfr. Mt. 19, 11-12
    Sia che sei chiamato al ministero, sia che ti voti ad una consacrazione, Gesù è il Signore della vita e non ce ne devono essere altre con il Suo aiuto.
    Pace e bene.

  4. Non si dice che dopo il Lateranense, II esisteva un regime di dispense per gli alti prelati e che il concilio di Trento è la reazione del mondo cattolico alla Riforma di Lutero, col preciso obiettivo di distinguersi. Oggi molto è cambiato e recuperare la libertà delle origini sarebbe un bel segnale, anche dal punto di vista ecumenico.

  5. Io credo che la vocazione è più “pura” se vissuta in regime di castità un vincolo matrimoniale potrebbe contribuire a ritenere il sacerdozio una “semplice” occupazione.

  6. Sono commossa,ottima riflessione,per chi crede nel nome del PADRE,e nel sacro matrimonio e nella Chiesa Cattolica.
    Grazie

  7. Io dico Sì al matrimonio dei sacerdoti. Nessuno può cambiare la legge di Dio poiché è un abominio. 1 timoteo 31 Timoteo 3Nuova Riveduta 2006
    I vescovi e i diaconi
    3 Certa è quest’affermazione: se uno aspira all’incarico di vescovo, desidera un’attività lodevole. 2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreprensibile, marito di una sola moglie, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 3 non dedito al vino né violento [, né avido di illeciti guadagni], ma sia mite, non litigioso, non attaccato al denaro, 4 che governi bene la propria famiglia e tenga i figli sottomessi e pienamente rispettosi 5 (perché se uno non sa governare la propria famiglia, come potrà avere cura della chiesa di Dio?), 6 che non sia convertito di recente, affinché non diventi presuntuoso e cada nella condanna inflitta al diavolo. 7 Bisogna inoltre che abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, perché non cada in discredito e nel laccio del diavolo.

    8 Allo stesso modo i diaconi devono essere dignitosi, non doppi nel parlare, non propensi a troppo vino, non avidi di illeciti guadagni; 9 uomini che custodiscano il mistero della fede in una coscienza pura. 10 Anche questi siano prima provati; poi svolgano il loro servizio se sono irreprensibili. 11 Allo stesso modo siano le donne dignitose, non maldicenti, sobrie, fedeli in ogni cosa. 12 I diaconi siano mariti di una sola moglie, e governino bene i loro figli e le loro famiglie. 13 Perché quelli che hanno svolto bene il compito di diaconi si acquistano un grado onorabile e una grande franchezza nella fede che è in Cristo Gesù.

LEAVE A REPLY